SOGGETTI INTOCCABILI DA EQUITALIA – NE SAPETE QUALCOSA?

Condividi:

 

Dal sito di OPPT ITALIA:

http://www.opptitalia.org/index.php/mainstream-news/149-gli-evasori-intoccabili-di-equitalia

L’affare Equitalia diviene sempre più scandaloso!

Esisterebbe una lista di nomi di coloro che NON hanno versato i 545 miliardi di euro che Equitalia deve riscuotere.

Sono ben 545 i miliardi di euro di tributi non riscossi da Equitalia.  Il terrorismo tributario commesso da Equitalia non ha risparmiato nessun cittadino, o quasi.  Nessun comune cittadino può, infatti, avere privilegi nei confronti di fisco e tasse, nessun comune cittadino che non appartenga ai giusti ambienti, ai salotti importanti.

L’associazione Federcontibuenti è convinta, e lo denuncia attraverso un Comunicato Stampa diffuso oggi, che esista una lista di nomi di coloro che non hanno versato quei 545 miliardi di euro. E che quella lista sarà coperta dal Segreto di Stato (così come furono coperti dallo stesso veto governativo i lavori di ristrutturazione della villa privata in Sardegna di Silvio Berlusconi) perchè in essa sono nascosti nomi importanti, altisonanti.

COMUNICATO STAMPA: Equitalia: dal 2010 esiste una lista di evasori intoccabili

Se Equitalia, con il potere immenso che ha, non ha potuto recuperare questa somma, sempre secondo la Federcontribuenti, è stato perchè qualcosa o qualcuno lo ha impedito.

Il presidente Paccagnella ricorda

” Ricordo, di come, durante la Seduta n. 332 del 7/6/2010, si interrogava il Governo su Equitalia in merito all’esistenza di una circolare nella quale era riportato un dettagliato elenco di persone, imprese e partiti a cui non bisognava inoltrare procedure esecutive e comunque si davano disposizioni di non riscuotere il dovuto all’erario. Che fine ha fatto questa indagine? ”.

Persone, imprese e partiti alle quali non mandare procedure esecutive, un’indagine in corso insabbiata come accade a tutte le cose scomode che toccano personaggi troppo importanti, mentre il comune cittadino vive con l’angoscia delle sanzioni e delle procedure adottate da Equitalia per riscuotere il dovuto.

La Federcontribuenti si impegna ad andare a fondo in questa faccenda non accontentandosi del solito capro espiatorio per garantire i diritti di tutti quei cittadini che, nonostante la crisi economica, nonostante l’assenza di lavoro, sono caduti vittime della riscossione selvaggia messa in atto da Equitalia.

24 giugno 2013, ore 15:30

 

NE SAPETE QUALCOSA? REALTA’ O MOZZARELLA DI BUFALA?

PREGO RIFERIRE.

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI. Contrassegna il permalink.

8 risposte a SOGGETTI INTOCCABILI DA EQUITALIA – NE SAPETE QUALCOSA?

  1. Enrico scrive:

    Approfitto di questo spazio per avere una risposta possibilmente onesta dal sig Nino Galloni tramite anche il sig Della Luna che mi risulta avere contatti.molti economisti e professori oggi sembrano avere tutti le idee chiare come uscire da questa tragedia ma in particolare il sig Galloni ha rivestito incarichi importanti nel ministero della finanza e come direttore generale nel ministero del lavoro.Certamente mi dirà che nel suo incarico alla finanza e stato praticamente boicottato , ma come direttore del ministero del lavoro non ha mai pensato che tutti i lavoratori hanno pari diritti e doveri e quindi si sarebbe dovuto impegnare affinché lavoratori pubblici e privati compresi gli artigiani e altri dovessero avere pari garanzie dallo stato , probabilmente se ciò fosse stato pensato e fatto non ci troveremmo in questa marea di diversità di garanzie i e sicuramente sarebbe giunto la fine del ruolo dei sindacati che nel lungo periodo si sono organizzati invece in proprie associazioni a delinquere statalizzate.Come mai in quel tempo nel suo ruolo non ha minimamente avuto la sensibilità (che oggi invece dimostra di avere) di provvedere a un cambiamento sacrosanto dei diritti di tutti i lavoratori e con tutti intendo tutti, tutti ? Comunque faccio sinceri auguri al prof. Per la conferenza del 27 sperando che la saggezza degli anni abbia migliorato il senso delle responsabilità di ciascuno specie di quelli che rivestono cariche importanti.

  2. ahfesa scrive:

    Enrico sull`informazione ha centrato il punto e non sulla RAI, dove per definizione da sempre gli utenti son cornuti e mazziati, ma su una cosa ben più importante, ovvero quella che una volta si chiamava la legge finanziaria ed oggi si chiama legge di stabilità (nella miseria)
    Allora il sig. Letta ci dice che cotale meraviglia non é stata scritta per compiacere Bruxelles (strano, era in perenne contatto col sig. Rehn) e non solo che abbassa le tasse e fa regali a tutti. Insomma un Babbo Natale in anticipo. Gli mancava la palandrana rossa quando gongolando ci imboniva dal presidenziale scanno.
    Ma ahimé leggendo il dispositivo proposto le cose stanno esattamente al contrario. In sintesi promette agevolazioni future ed aleatorie a fronte di punizioni (sui soliti) certe e dure.
    Cominciamo dal facile: l`IVA é regolarmente aumentata di un punto con tutte le conseguenze nefaste e per farci un piacere vogliono “rimodulare” (parola terribile) introducendo una 4° aliquota del 7% che dovrà inglobare beni al 4 ed al 10. Facile capire in che misura.
    Si é “abolita” l`IMU sulla prima casa (che bello il PDL ha mantenuto la parola!!) Ma (dettaglio) la si é di fatto sostituita dalla TASI (bello, suona taci e paga) con l`aliquota edittale del 1per mille. E tutti son contenti. Ma attenzione che in piccolino é scritto che questa é l`aliquota base, potendo i comuni aumentarla fino al 7 p.m. che – combinazione – era l`aliquota di fatto applicata dal 90% dei comuni sulla prima casa. facile capire che é cambiato il nome, ma alla cassa si va come prima. A fronte del piacere si é aumentato dal 10,6 all`11,6 l`aliquota quella vera – cioé la massima – sulle seconde case, sempre con la scusa della TASI. E non solo, se uno ha una casa sfitta (per qualsiasi motivo) ci paga sopra l`IRPEF anche se non incassa niente. E mica poco perchè é tassato a rendita. Beati i miliardari che hanno l`appartamentino a Cogoleto o a Foppolo. Eh sì perchè quelli a Cortina non pagano un cacchio perchè in quei comuni le rendite catastali son restate a Maria Teresa.E l`IMU di conseguenza. E la Tasi pure. Naturalmente se la rendita non fosse soddisfacente (per l`esattore) si può tassare a mq.
    Ma i lavoratori dipendenti (gli altri no perchè sono già ricchissimi) possono consolarsi con uno sgravio fiscale medio di 200 euro in 3 anni (attenti a non spenderli tutti assieme). In compenso l`altra faccia della Trise (mostro a due teste) ovvero la Tari (eddai la tassa sui rifiuto che sforzo!) pare triplichi rispetto a prima e quindi si mangerà i 200 dei fortunati che li avranno).
    Vero che a chi assume a posto fisso avrà uno sgravio di 15mila, ma coi tempi che corrono saranno pochi a poterselo permettere. Magari il padre imprenditore che assume il figlio e via dicendo.
    E volete mettere 5 miliardi (in tre anni ovviamente) per gli investimenti ed uno per comuni. Altro che new deal.
    Ed infine speriamo che poi in sede di approvazione le “diminuzioni ed i regali” non siano anche di più. Senza in fine contare gli effetti micidiali e recessivi di queste trovate, degna continuazione delle punizioni del rimpianto (da Bruxelles) prof. Monti. E quelli che hanno i milioni veri ben custoditi in fondi e titoli niente tasse aggravi ovviamente. Senza contare la sig.ra Lagarde (la morte che veste Vittuon) che comincia a parlare di preslievi e/o prestiti forzosi “per abbattere il debito”…….
    In compenso i soldi per le demenziali missioni militari (adesso ne abbiamo aggiunto un`altra) i caccia ed il condono alle case da goico quelli non mancano mai. E sui costi della politica sempre nebbia e fumisterie.
    Ma il sigg. Letta ci gabella che la crisi é finita e che ci attendono tre anni di certezze. E lì forse dice il vero una certezza c`é: la nostra miseria.

  3. Enrico scrive:

    Sig avvocato Della Luna ,tra non molto ci sarà la tassa sulla televisione da pagare , Associazioni varie dicono di non pagare motivando che l’informazione pubblica e’ ingannevole e quindi non risponde correttamente all’utente.Sul piano giuridico e’possibile questo percorso senza trovarci poi cornuti e mazziati con interessi da pagare? Peggiorando la sopravvivenza di noi pensionati?

  4. Enrico scrive:

    Il sig aAhfesa ha giustamente fatto riferimento alla Santa Inquisizione come giusto paragone.Se non affrontiamo alla Radice le questioni non facciamo altro che girarci in torno e prenderci in giro noi stessi.

  5. ahfesa scrive:

    Eccomi nel merito. Ho svolto una piccola ed informale inchiesta tramite miei conoscenti. I risultati non hanno ovviamente valore legale né sono supportati da elementi probatori dirimenti, ma mi sembrano molto verosimili.
    1) L`importo di 545 miliardi (se esatto) é puramente nominale. Difatti Equitalia si occupa formalmente della riscossione di qualsiasi tributo iscritto a ruolo. Ora detta iscrizione diventa automatica per determinati tipi di imposta (accertato omesso versamento di IVA p.e.) o di accertamenti (evasione internazionale, importi rilevanti, ecc). Io conosco il caso di una studentessa, mantenuta fuori sede dai genitori (padre bancario e madre casalinga) la quale essendo intestataria di un`auto di media cilindrata non di lusso e di un contratto di locazione di un bilocale nella città di provincia sede dell`ateneo, é stata denunciata come evasore totale. Difatti l`ufficio valendo la vettura (sempre secondo l`ufficio) circa 23 mila euro ed essendo il canone di locazione pari a 450 euro mensili + spese, nonchè avendo fatto certi acquisti verificati dal fisco é stata accertata per le note presunzioni come titolare di un reddito evaso di 40 mila euro anno per i 7 anni di prescrizione fiscale. Anche se avendo la ragazza 22 anni per alcuni periodi imposta era minorenne. Quindi 280 mila che danno luogo a circa 80 mila euro di imposte evase. Trattandosi di evasore totale (oltre alla denuncia) il fisco ha richiesto le sanzioni massime pari a 5 volte l`imposta evasa oltre ad interessi e spese. Morale la ragazza nullatenente ha a ruolo 470 mila euro di “evasione”. L`ufficio offre una benevola “transazione” di 250 mila oltre ad interessi e spese. Ovvio che in commissione tributaria verrà facilmente provata l`assurdità dell`impianto, ma attualmente sulla carta il credito (e la denunzia penale, con conseguente processo e diveto di espatrio, antipatico per chi studia lingue straniere) permane.. E ovviamente tutte le spese legali e professionali che i genitori dovranno affrontare per dimostrare l`evidente saranno senza ristoro a loro carico. Quindi sui miliardi dovuti io sarei molto prudente.
    2) Certo che Equitalia ha una lista segreta ei soggetti da escutere. Ma, mi si dice, cotale segretezza deriva da “rispetto della privacy” e dall^evidente necessità di evitare che il debitore sapendo dell`imminenza dell`azione tenti di occoltare i suoi averi.
    3) È parimenti esatto che Equitalia abbia il potere discrezionale di decidere come e se agire nei confronti dei morosi. E ciò per la formale ragione che dovendo almeno in teoria assicurare all`erario il massimo recupero con le minori spese, agirà prima su chi ha più beini escutibili e trascurerà chi ad evidenza é incipiente. Ovvio che poi cotale potere potrebbe come in tutte le italiane vicende essere messo a prezzo, favorendo alcuni e punendo altri. Ma ahiné nelle disposizioni vigenti Equitalia deve solo incassare e pare non debba rendere conto a nessuno del come e del quanto, salvo la comprovata frode individuale. Ed in tema temo che un privato cittadino senza potere, ma con qualche onesto bene al sole, abbia severe remore prima di denunciare un funzionario del fisco e/o peggio della riscossione.
    4) Infine non si é deto che Equitalia é come la compianta Santa Inquisizione. Diafatti il fatto che non agisca o abbia agito inutilmente su un soggetto non cancella mai il suo potere di azione, anche in un secondo tempo ed a totale sorpresa dell`interessato che magari crede di avrerla fatta franca .

    Ma siamo noi a prmettere l`esistenza di una tale istituzione e quindi peggio per noi.

  6. Enrico scrive:

    Ho mandato una richiesta di verifica ed eventuale interrogazione in parlamento al movimento 5 stelle , Vedremo!

  7. ahfesa scrive:

    Non sono a conoscenza diretta. Mi informerò e dirò se il caso.
    Però una cosa piccola piccola la posso anticipare. Allora, come oramai persino il dr. Befera deve ammettere, vi é moltissima gente onesta che non paga le imposte semplicemente perchè non ha i mezzi per farlo. Come vi é gente sempre onestissima che dichiara o cerca di dichiarare il falso per le stesse ragioni indissolubilmente legate alla sopravvivenza non aziendale ma fisica. ovviamente chi parla di condoni o agevolazioni per costoro bestemmia ed é additato al pubblico disprezzo. E sono d`accordo, perchè se fosse anche a concussi alla fame, condonato qualcosa, bisognerebbe dare immediatamente ed in soldi sonanti un premio a chi invece ha pagato tutto e subito.

    Io leggo sul 24 ore di oggi la reiterazione del capestro medioevale dello “spessimetro” gagliardo strumento per colpire bottegai ed evasori.. Leggo anche l`ennesima dilapidazione di altri denari del contribuente per il buco nero Alitalia (eh sì perchè se fallisce il salumiere, magari per pagare imposte accertate in base a presunzioni capestro, é un fallito e muore di fame e di vergogna. Invece il sig. Colaninno (il cui figliolo é il responsabile economico del partito degli operai), la sig. Marcegaglia ecc.. finanziati dai soldi dei risparmiatori tramite il sig. Passera, di fatto falliscono dilapidando miliardi, e ciò é tutto normale ed a questi nessuno chiede un soldo, benchè addirittura abbiano acquisito gratis, no ad ulteriori spese del contribuente quello che hanno pio rovinato).

    E fin qui pazienza, altrimenti come facciamo a dire che siamo in rovina. Ma quello che mi umilia e ma fa venir voglia di far quelle cose che non posso scrivere, é che SONO STATI RIAPERTI I TERMINE PER IL CONDONO ALLE CASE DA GIOCO.

    Non continu perchè altrimenti divento volgare! Quelli di Equitalia sono delle educande rispetto a chi li dirige!

Lascia un commento