PREPARARSI AD ANDARSENE

Condividi:

(NON ASPETTATE COME GLI EBREI IN GERMANIA)

Prepararsi ad andarsene.

Nel controllo ormai completo dell’informazione e nell’uniformazione obbligata della ‘verità’, si stanno avverando in pieno le previsioni che avevo formulate 11 anni fa nel mio saggio Oligarchia per popoli superflui e poi completate in Tecnoschiavi 3 anni fa: un susseguirsi di crisi e allarmi e false rassicurazioni alimentati dai massmedia e delle istituzioni per realizzare, legittimare e far accettare sistematici tracciamenti dell’intera esistenza delle persone, loro completa profilatura informatica, privazione delle libertà fondamentali mediante decreti dell’esecutivo e riforma delle costituzioni per costruire i recinti giuridici della zootecnia applicata all’uomo, manipolazione biologica per pretese o artificiali esigenze di sopravvivenza generale, espropriazione del risparmio e delle proprietà per esigenza di finanze pubbliche indebitate e altrimenti non sostenibili.

Sullo sfondo, il vero problema di sostenibilità: quello della biosfera rispetto all’esaurimento delle risorse, alla crescente sovrappopolazione e alle sue insostenibili emissioni inquinanti ed esigenze energetiche.

Corre voce che anni fa Giulio Tremonti preavvertisse che dal 2020 il tema del debito pubblico sarebbe stato silenziato. Così è avvenuto, ma il debito pubblico nel silenzio cresce più che mai, per l’Italia il consolidato col previdenziale supera i 5000 miliardi mentre il prodotto interno lordo è in picchiata; ossia il debito pubblico è insostenibile e, nel tritacarne dell’Unione Europea e del suo bilancio tendenzialmente unificato, in cui Britannia Mario e il suo governo-ammucchiata giurano di gettarci, il fisco presto dovrà confiscare e mettere in un fondo di garanzia, per restare nell’Euro, i risparmi e le proprietà degli italiani, come da oltre 10 anni i cani grossi della finanza tedesca reclamano, anche per puntellare il gigantesco disastro di Deutsche Bank.

Ma non è questo il peggio. Il peggio è che adesso i viri vengono realizzati in laboratorio, brevettati e strumentalizzati per creare le condizioni di terrore con cui rinchiudere la popolazione nel regime zootecnico e costringerla a subire la manipolazione biologica, particolarmente con bacini di incerta efficacia (Lancet stima tra il 19 e il 29%), incerta durata, effetto mutageno che produce mutazioni nei viri che dovrebbe contrastare e favorisce i tumori bloccando l’apoptosi delle cellule ‘devianti’ , così che sempre nuove bacinazioni con sempre nuovi effetti collaterali sono rese necessarie, sempre nuove clausure, sempre nuove sospensioni costituzionali – mentre Science https://www.affaritaliani.it/coronavirus/covid-quando-finira-science-choc-fra-10-20-anni-se-non-apriamo-tutto-727054.html rende noto che solo l’apertura totale e immediata (assicurando isolamento ai soggetti fragili e cure efficaci laddove richiesto) può risolvere il problema del viro; ma il regime mantiene il locdaunn per far durare la pantodemia altri 10-20 anni, il tempo che gli serve per sistemarci.

Le istituzioni e i massmedia nascondono sistematicamente i dati sui morti in seguito ai bacini e su altri loro effetti collaterali (40.000 vittime sinora negli USA), però i dati circolano grazie a internet e al passaparola, e indicano che i bacini, particolarmente i bacini mutageni, che cioè mutano l’RNA dell’uomo e dei viri, sono stati introdotti come strumento di riduzione della popolazione secondo le direttive enunciate già negli anni ‘70 da Henry Kissinger e altri personaggi dell’aristocrazia mondiale. Ma ricordo che io stesso, in quegli anni, con scandalo dei miei insegnanti cattolici e di sinistra, dicevo che bisognava trasformare la Terra in un giardino per pochi piuttosto che lasciarla diventare un letamaio per troppi miliardi.

Intanto in Italia, il governo mariano è attivissimo, nomina a capo dell’operazione Kobid il generale Figliuolo, l’eroe della cremazione senza autopsia dei morti di Bergamo, uccisi da cure sbagliate quindi vittime dello Stato, il quale ora vuole venirci a vaccinare porta a porta. Il governo è sostenuto da tutto l’arco partitico: pure la Meloni non parla dei problemi qui esposti e voterà le sue leggi ‘buone’. I capi dei partiti politici, alluzzati dai soldi del Recovery Fund, hanno evidentemente tutti deciso di continuare la loro carriera entro quel progetto, al suo servizio, assieme alla corrotta eurocrazia, la quale ha concesso a Big Pharma contratti segretati che escludono ogni responsabilità per danni: far politica oggi consiste nel farsi eleggere con false promesse per poi vendere il popolo alle multinazionali, finanziarie o farmaceutiche che siano.

Alcuni paesi, come l’India, diversamente da quelli occidentali, hanno sostenuto, praticato e sviluppato le cure per il Kobid, cure di poco costo e capaci di farlo apparire per ciò che è, una malattia perfettamente gestibile, inidonea a sostenere la campagna di terrorismo in atto da noi. L’India distribuisce un blister che costa meno di €3 e che contiene le semplici medicine con cui guarire: difende la salute e la libertà dei suoi abitanti senza arricchire Big Pharma. Il Kerala, stato con 35 milioni di abitanti, ha avuto 3 soli morti e ha debellato il problema.

E’ tempo di prepararsi a partire, finché ci lasciano andare, prima che ci tolgano tutto.

06.03.21 Marco Della Luna

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI. Contrassegna il permalink.

1 risposta a PREPARARSI AD ANDARSENE

  1. ahfesa scrive:

    Temo che con tutto il rispetto si stia scadendo nell`ovvio.
    Bisogna che noi popolo bue ci si faccia carico del fatto che oramai siamo in un regime totalitario, che diventerà sempre più esigente ed oppressivo. Difatti dovrebbe esseci ben chiaro che tutte le favolose europrovvidenze, per la gente comune non sono altro che, o vuote statuizioni prive di possibile applicazione pratica, oppure delle spaventose trappole e punizioni. Per esemplificare mi limito al controllo oramai totale ed in tempo reale sul patrimonio e sugli atti dispositivi dei sudditi (non privilegiati) giustificato dalla fantomatica lotta all`evasione fiscale, oppure alle gagliarde leggi che dovrebbero tutelare la privacy dei sudditi, che però sono inapplicate e non di rado rivoltate contro i beneficiari edittali, poichè é data facoltà ai fornitori di servizi essenziali di denegare la prestazione, se non si rinuncia appunto alla predetta privacy. Oppure ai contratti di fornitura dei vaccini, prima “segreti” e poi per grazia sovrana “resi pubblici”, ma che in realtà disvelano solo pagine cancellate, che non spiegano nulla su condizioni essenziali quali prezzo, consegne, responsabilità, composizione del preparato. Per concludere euristicamente con la favolosa tassa sul web che dovrebbe finalmente colpire le multinazionali. Balle e bugie! Difatti dove si applica I vari furbastri informatici pagano la tassa (salvo ricorsi) ed intanto aumentano in maniera più che proporzionale I prezzi al pubblico, che é il solo che come al solito paga la punizione. Quindi l`UE é come l`URSS: dittatura, ingiustizia, opacità e tante menzogne, oramai palesi.

    L`ultima trovata del nostro capo onnisciente é l`essersi affidato alla McKinsey (multinazionale USA, di certa fedeltà globalista, ma un tantino chiacchierata) per redigere il complicatissimo e nebulosissimo piano per fruire delle altrettanto complicate, futurissime e nebulose eurocuccagne. A parte il metodo che affida ad un privato straniero, di cui pure sono ignoti I soggetti di controllo, la redazione di un vitale progetto nazionale, sono esileranti le condizioni ai quali l`incarico é affidato: ovvero se non ho capito male, questi signori che normalmente fatturano milioni per bazzeccole, si sarebbero offerti di assiterci per la ridicola somma di 25.000 euro. Ora la malafede governativa é evidente. Difatti é chiaro che il compenso irrisorio é stato pattutito per sfuggire alle regole sugli appalti pubblici, che avrebbero importato certe procedure almeno semipubbliche, col rischio che qualche “ignorante sovranista” cominci a porre incresciosi interrogativi. Secondariamente é chiaro che I pescecani di Chicago, in ogni caso mica lavoreranno gratis, ma si ripagheranno ampiamente suggerendo “strategie” molto favorevoli a loro amici e clienti (ed altrettanto punitive verso di noi sudditi paganti) e pure piazzando loro uomini nei posti esecutivi chiave, una volta adottato il piano.
    Ma a me andreottiano di ferro, sorge un altro ferale sospetto. E se il piano (quello vero che ci rovinerà) ci fosse già da tempo, eleborato in segreto e con calma dall`Onnisciente come presidente in pectore, naturalmente col concorso di Berlino, Washington bideniana e Bruxelles, e per mascherare il solito sciagurato diktat tedesco lo si faccia figurare come parto della McKinsey, incaricata ( e per questo non meno profumatamente compensata surrettiziamente) solo di copiare e sottoscrivere?

    Ma non dobbiamo stupirci, poiché come scrivevo in un certo articolo che si é perso nei meandri informatici del blog, noi siamo nella stessa situazione che sarebbe occorsa ai fondatori dello Stato di Israele se nel 1948 avessero affidato l`organizzazione e la gestione del nuovo stato ai superstiti dirigenti nazisti, con la scusa che costoro erano uomini di azione ed anche esperti di questioni ebraiche.

    Giusto, chi può se ne vada (dove però é difficile dirlo), chi come me deve restare, non avendo la forza della rivolta, deve solo sperare nella divina provvidenza, o in una indolore, se possibile involontaria, estinzione prima che la situazione diventi insopportabile.

Lascia un commento