L’ESERCITO DELLE PECORE MATTE

Condividi:

L’esercito delle pecore matte

Il sondaggio del Censis pubblicato lo scorso 4 dicembre conferma che gli italiani sono in grande maggioranza pecore credule e ignave (“pecore matte”, diceva Dante), ossia codardi senza dignità e spirito critico,: pronti a sottomettersi cedendo diritti fondamentali in cambio di promesse di protezione, pur vedendo come i manovratori usano l’emergenza per aumentare il proprio potere e la propria ricchezza, scaricando i costi e rischi sulla popolazione generale.

Questa grande maggioranza degli italiani si è lasciata impaurire e deprimere dal terrorismo di regime, dai suoi falsi tamponi e dai suoi falsi dati statistici; accetta tutto, si conforma alle cose più illogiche per ricevere rassicurazione psicologica, financo  plaude al dittatorello e si avventa contro coloro che le vengono genericamente additati come “negazionisti” o untori senza museruola.

Adesso questa maggioranza agogna il vaccino promesso, benché non sia ancora stato sperimentato (ci vogliono 10 anni circa) e si segnalino molti casi di reazioni avverse e persino qualcuno letale.

Tali reazioni esprimono non una condizione transitoria ma la costituzione psichica profonda di questa maggioranza, e non ha senso né speranze cercare di risvegliarli – non sono addormentati, sono proprio fatti così. Se insisti, ottieni solo di farteli nemici, perché li togli dalla loro comfort zone. Se invece un domani, a seguito di disastri economici o sanitari, la loro paura si convertirà in rabbia, staremo a vedere che cosa saranno capaci di concludere. Ma intanto limitiamoci a godere dei benefici che ci vengono dal fatto che tutta questa gente si offre con entusiasmo come cavia per le vaccinazioni sperimentali, in modo di poter poi decidere con più dati a disposizione se vaccinarci pure noi.

Meglio perciò evitare di sollevare dubbi disturbanti nelle testoline di questa maggioranza della popolazione, cioè di porre, privatamente o pubblicamente, certe domande come le seguenti:

-Perché i vaccini vengono somministrati dalla politica prima che le case farmaceutiche abbiano rivelato i loro dati numerici sugli effetti, già in loro possesso?

-Per quanto tempo sono efficaci i vari vaccini?  Tre, quattro o sei mesi?

-Quanto tempo impiega un vaccino  per fare effetto  protettivo? Trenta giorni o sessanta?

-Per quanto tempo il neo-vaccinato è contagioso per i non vaccinati?

-Quanto tempo ci vuole per vedere se un vaccino protegge dalle nuove varianti del virus che via via si producono?

-Considerato che ci vuole circa un’ora per eseguire una vaccinazione Pfizer, quante nuove varianti si genereranno prima che sia completata la vaccinazione per la forma attuale del virus?

-Se per vaccinare  metà della popolazione ci vorranno circa  sei mesi,  e se  l’efficacia del vaccino dura meno di 6 mesi, come si fa?

-Perché il regime ci dice che anche dopo vaccinati bisogna portare la mascherina, distanziarci socialmente eccetera eccetera, esattamente come prima?

-Questi nuovi vaccini modificano il nostro DNA? Qualcuno per caso sa come?

-Possono provocare nel tempo malattie autoimmuni o degenerative come il Parkinson o l’Alzheimer o il tumore?

-Perché i politici comprano i vaccini da case farmaceutiche che hanno una lunga storia di corrompere i politici?

-I politici, i burocrati e l’OMS prendono una tangente sugli ordinativi di vaccini, oppure no?

-Perché comprano i vaccini da case farmaceutiche che hanno condanne per sperimentazione di vaccini dannosi e sterilizzanti?

-Perché in tv si è visto che alcuni politici (come la prima ministra australiana) si sono fatti riprendere mentre venivano vaccinati ma si è visto pure che la vaccinazione era finta perché l’ago era ancora coperto dal cappuccio?

-Quanto possiamo fidarci delle rassicurazioni dei politici e dell’OMS?

-Che cosa dicono i loro precedenti in campo farmaceutico circa corruzione e affidabilità?

-Perché le trattative e i contratti con cui hanno comperato questi e altri vaccini sono tenuti segreti?

-Perché i media italiani non riferiscono delle proteste e dei rifiuti che all’estero vengono opposti alla vaccinazione da parte anche di organizzazioni di sanitari, in relazione all’insufficiente collaudo e agli effetti già osservati?

-Perché agli Italiani viene somministrato un vaccino che costa circa 1/10 di quello che viene somministrato negli USA? Vale anche un decimo di quello americano, oppure no?

-Potrà mai finire una pandemia che è diventata un potente strumento di controllo sociale e di affari, con fondi di centinaia di miliardi? Arriveranno altre pandemie, se questa finirà?

-La gestione OMS-UE della pandemia è un esperimento di un nuovo governo mondiale a libertà minimale?

25.12.20 Marco Della Luna

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento