RICAPITALIZZARE LE BANCHE E PAGARE IL DEBITO PUBBLICO

 

Oggi il sistema bancario italiano non eroga praticamente più credito e anzi riduce o ritira i prestiti in essere, perché è gravemente illiquido e non salta solo perché ricorre a trucchi contabili solo non dichiarare gran parte delle sofferenze e altri. Aumentano insolvenze, fallimenti, pignoramenti, licenziamenti e cessazioni di attività. Lo stato non ha il denaro per rilanciare l’economia con i necessari investimenti. Il nodo da sciogliere è quindi la gravissima scarsità di moneta nel sistema paese. Manca il denaro per far andare avanti l’economia.

Se, invece di immettere  la moneta necessaria a far ripartire l’economia, con gli opportuni investimenti, si fa quanto esigono la BCE, il FMI, la Merkel e i finanzieri internazionali – ossia se si taglia la spesa pubblica e si aumentano le tasse, riducendo anche il potere d’acquisto, è come fare un salasso a una persona che sta morendo di anemia. Se Monti procede in questo senso, in breve l’Italia sarà al collasso.

LA VIA PER RISANARE LE BANCHE E LE FINANZE PUBBLICHE ESISTE E NON RICHIEDE SACRIFICI, MA SOLO CHE LE BANCHE FACCIANO UNA CONTABILITA’ FEDELE ALLA REALTA’, OSSIA CHE CORREGGANO ALCUNI PRINCIPI CONTABILI DIFFORMI DALLA REALTA’ ECONOMICI.

Premesse:

1 – Tutti i mezzi monetari – cartamoneta, denaro contabile/creditizio sono fiat money, ossia non sono moneta –merce (a valore intrinseco, metallica) né convertibili in metalli preziosi.

2. -Sono  creati dalle banche di emissione e di credito

3- Sono creati a costo zero (le riserve delle banche di credito presso le banche centrali consistono di depositi/accrediti di altra fiat money, non di oro)

4-Le banche creano e cedono (a interesse) questa fiat money, che incorpora un potere d’acquisto value, anche se le banche non creano questo value; dunque esse lo prelevano dalla società e lo prestano a interesse

5 –Questo value è ovviamente un valore economico,.patrimoniale, e un valore che rende alle banche: rende l’interesse + il credito e ha un costo di acquisizione praticamente nullo per la banca; quindi si ha un incremento patrimoniale nell’atto in cui la banca lo presta e riceve in cambio una promessa di pagamento del capitale e di interessi; questo incremento  non viene ad oggi contabilizzato né tassato; la sua mancata contabilizzazione è come una falla nel sistema monetario, che quindi tende a svuotarsi e a produrre situazioni di illiquidità.

6-Alla luce di quanto sopra, la banca dovrebbe contabilizzare, quando eroga credito per 100, non, come fa ora,

 Uscita cassa 100

Entrata credito 100 (+ rateo degli interessi)

SALDO                0

 bensì

 Entrata cassa (potere d’acquisto) 100

Uscita  cassa (potere d’acquisto) 100

Entrata credito 100 (+ rateo degli interessi)

SALDO + 100

 

Le banche di emissione dovrebbero parimenti registrare le entrate di potere di acquisto, quindi, analogamente, quando erogano 100, realizzano un incremento patrimoniale, o un profitto netto (a seconda di come lo guardiamo), di 100, che devolverebbero allo stato per la quota di spettanza, e sul resto si pagherebbero le tasse. Dovrebbero anche togliere dal passivo patrimoniale il valore del circolante, perché un circolante costituito da fiat money non costituisce in alcun modo una passività economica o un debito.

 Così facendo:

1-Le banche di credito si ricapitalizzerebbero immediatamente e potrebbero riprendere ad erogare credito, rilanciando l’economia;

2-Migliorerebbero il loro rating e calerbbe il rendimento delle loro emissioni;

3-Eviterebbero di dover diluire il capitale con ricapitalizzazioni spinte e ripetute;

4-Pagherebbero più tasse, con cui lo stato risanerebbe i propri conti migliorando il rating, risparmiando sui rendimenti e aiutando anche le banche che hanno debito sovrano nel loro patrimonio.

5-La banche centrali migliorerebbero i bilanci.

 Si avrebbe, insomma, l’inizio di una spirale virtuosa.

16.11.11  Marco Della Luna

About admin

Avvocato, autore, scrittore
This entry was posted in GENERALI. Bookmark the permalink.

11 Responses to RICAPITALIZZARE LE BANCHE E PAGARE IL DEBITO PUBBLICO

  1. LordBB says:

    Finalmente una soluzione originale…:

    1) aveva previsto la scissione del nord e sud
    2) l’emissione della moneta a debito
    3) la crisi del sistema bancario (italiano)

    Niente e’ accaduto e accadra’.
    Quello che dobbiamo aspettarci e un contrazione della economia per i prox 10 sopratutto nel sud europa, e poi un ripresa lenta e graduale.
    Sara’ molto dura per le PMI, italiane, molte dovranno chiudere.
    LordBB

  2. LordBB says:

    Ho ricevuto molto richieste in pvt via email su richieste di soluzioni e consigli da piccoli imprenditori italiani, dato che molto mi hanno letto su questo blog. Ho deciso che rispondero’ alle loro domande su questo blog, quando avro’ un po’ di tempo per farlo…vi spieghero’ le soluzioni legali, che nessuno spiega….
    LordBB
    p.s> valgono solo per imprenditori e professionisti

  3. Rob says:

    mi spiace lord bb , con questi tassi (che sono una ladrata
    perchè dovuti a pura speculazione e non intervento della bce)
    l’italia non dura 10 anni ma neanche 5 …finisce come l’argentina ben prima…con possibile frammentazione della nazione in macroaree (come spera qualcuno della lega)
    ma neanche ‘euro cosi come lo conosciamo durera’ a lungo
    perchè il progetto dell’euro nordico e l’euro mediterraneo
    è un po’ che è in cantiere

  4. Rob says:

    mi spiace lord bb , con questi tassi (che sono una ladrata
    perchè dovuti a pura speculazione e non intervento della bce)
    l\’italia non dura 10 anni ma neanche 5 …finisce come l\’argentina ben prima…con possibile frammentazione della nazione in macroaree (come spera qualcuno della lega)
    ma neanche \’euro cosi come lo conosciamo durera\’ a lungo
    perchè il progetto dell\’euro nordico e l\’euro mediterraneo
    è un po\’ che è in cantiere

  5. Robert says:

    faccio notare quanto della luna sia stato cassandra in una previsione dello scorso ottobre (a me queste cose spaventano )
    ‘…O in cui il peggio sia evitato da un duro commissariamento-protettorato UE-BCE-FMI, con depressione di imprevedibile durata…’
    comunque a mio gusto il commissariamente E’ il peggio
    perchè loro sanno vogliano:i soldi dello stato sociale , i bene immobili alienabili ,tagliare le gambe e distruggere la competitivita’ della piccola e media impresa (e poi assorbirla
    grazie alla liquidita’ a disposizione in francia e germania) e alla fine fare la fine dell’argentina all’italia…

  6. Matteo says:

    Ciao a tutti,è la prima volta che scrivo su questo blog.
    Ho 21 anni e sono uno studente di ingegneria,quindi premetto che non ho nemmeno un cinquantesimo della preparazione che avete voi in economia e finanza perciò vi chiedo scusa in anticipo per qualche grossa fesseria che potrei sparare.Quando avevo 17 anni lessi €uroschiavi di Della Luna e Miclavez e rimasi abbastanza shockato da quello che riuscii a capire.Da allora leggo spesso i giornali e cerco di farmi un’idea mia e purtroppo devo constatare che quello che lessi in euroschiavi qualche anno fa si è scatenato ed è ormai irreversibile.
    Sui giornali si legge di questa maledetta manovra fiscale di Monti,e non mi dilungo su quello penso di lui,della Merkel e Sarcozy che non sanno che altro fare che dare istruzioni a noi,come se fossimo noi la causa della crisi e non quelle maledette banche…e su questo Blog che l’Italia è molto vicina alla fine dell’Argentina.
    Non credete,visto lo stato attuale che le cose,che Della Luna abbia super-ragione a dire che forse dichiararsi insolubili di questo debito enorme,inc**are l’eurozona e tornare a farci gli affari nostri come abbiamo sempre fatto dalla nascita dell’impero romano ad oggi?Perchè da cittadino devo pagare un debito che non ho contratto io?!
    Non credete che magari la via dell’Argentina sia la nostra ancora di salvezza?In fondo loro a distanza di qualche anno si sono ripresi alla grande!
    Chiedo di nuovo scusa per eventuali fesserie,ma se leggo questo blog è perchè una volta tanto voglio rendermi parte attiva.

  7. Robert says:

    da come si sta’ stanno assettando le cose in italia sembra che lordBB avesse visto meglio di quant potessimo fare noi : sembra probabile -per ora- che l’euro regga e che l’italia seguendo i dettami di bce e germania venga condotta verso anni di recessione e impoverimento…(salvo imprevisti e possibili implosioni dell’europa
    e dell’eurozona …)

  8. Robert says:

    da come si sta\’ stanno assettando le cose in italia sembra che lordBB avesse visto meglio di quant potessimo fare noi : sembra probabile -per ora- che l\’euro regga e che l\’italia seguendo i dettami di bce e germania venga condotta verso anni di recessione e impoverimento…(salvo imprevisti e possibili implosioni dell\’europa
    e dell\’eurozona …)

  9. LordBB says:

    Tecnicamente, all’interno del ciclo d’investimenti, siamo in un fase di contrazione economica. Quindi significa credit crunch. Ma in realta’ c’e’ abbondanza finanziaria nelle corporation e nei grossi fondi pensione. Quindi in questa fase di contrazione economica, sta spingendo a riversare private equity sul mercato dei capitali. In questo modo si “ritornera’” ad una situazione di equilibrio all’interno del ciclo degli investimenti, perche’ durante la contrazione economica, ancora in atto, si spazzano via le piccole imprese, inefficienti finanziariamente, e si lascia spazio a nuove iniziative imprenditoriali. Il sisitma finanziario e’ organizzato in modo ciclico, volutamente per controllare lo sviluppo economico e quindi sociale. Questa contrazione economica inoltre sta elimando la classe media. Perche’ altrimenti non riprende la ripresa economica. Mettiamola cosi’, all’interno del ciclo delgi investimenti, ci devono essere due classi nette: una povera ed una ricca. Questa assimetria di capitali crea la condizione per riavviare, lo sviluppo economico, e quindi la formazione di una nuova classe media. Ma creara’ nuovi sconti di classe, e quindi dara’ ossigeno alla nuoa classe politica per invetarsi nuovi sistemi politici per per intercettare questo disagio sociale e raccogliere consenso.
    Ora per fare riaprtire l’economia bisogna elminare la classe media, stressarla finanziariamente: paghe basse, inflazione, svalutazione della moneta, auento dei beni di prima necessita’, aumento del ore di lavoro a parita’ di stipendio, aumento di tasse nella busta paga…In questo modo la classe media sara’ costretta a consumare i risparmi o intaccare il patrimonio immobiliare o finanziario (bonds, stocks, etf, fondi…).
    E’ chiaro che per l’oligarchia finanziaria e socio-politica, questa contrazione economica e’ l’occasione per ridefinire nuovi equilibri di potere non solo finanziario, ma anche politico, non dimentichiamo che la guerra e’ anche economica: politica monetaria, apertura sedi diplomatiche, accordi commerciali, fondi sovranazionali… Diciamo che la partita e’ ancora aperta in quanto la parte dei leoni la fanno i BRIC – Brasile, Russia, India e Cina. Paesi con forte crescita e potenzialita’ di consumo elevate per le imprese dell’occidente.
    In teoria questa contrazione economica dovrebbe riequilibrare la ricchezza…in teoria, ma in pratica non accadra’, semplicmente come spiegavo sopra serve a fare ripartire il ciclo degli investimenti verso asset fondamentali: imprese, immobili e proprieta’ intellettuale. Invece quando ci sara’ abbondanza finanziaria, ci si spostera’ verso investimenti di finanza strutturata, come ora. Proprio perche’ non ci saranno piu’ opportunita’ sui fondamentali allora csi “lavora” sul debito.
    Chiaramente questo e’ una analisi sintetica scarna e veloce, giusto per dare l’idea delle opportunita’ finanziarie future.

    Io appartengo, a quel gruppo di persone che per ragioni puramente opportunistiche, crede che il sistema finanziario cambiera’ poco o niente. Perche’ e’ un sistema ciclico, volutamente progettato per mantenere un controllo sistemico.

    Invece quello che mi preoccupa come singolo, e persona, e’ lo stress sociale che stra creando nelle masse indigenti. Ed umanamente questo e’ un problema di non facile risoluzione.

    Su questo punto sono pessimista, anche piu’ dell’Avv. Purtroppo sono convinto che la massa dei poveri aumentera’ in modo esponenziale. In quanto, questo e’ il mio punto di vista, il sapere trasversale, che impone il nuovo ordine mondiale, non si puo’ inseganre a scuola, se non in istituti privati e acessibili per pochi privilegiati. Dato che il sistema finanziario e’ in forte accellerazione, anhe se non si vede, lo e’ vuol dire che rendera’ anche piu’ veloce molti processi economici transanazionali, in parole povere aziende aprono e chiudono da oggi a domani, e i dipendenti possono trovarsi senza lavoro, ma nello stesso tempo devono riqulificarsi con velocita’ per re-inserirsi…Ecco qui la vedo molta dura, molta dura.

Lascia una risposta