COSTITUZIONE 2014: MIA PROPOSTA – CHE NE PENSATE?

Condividi:

TESTO MIGLIORATO AL 07.08.14

Questo testo ha i seguenti scopi:

1)      Esplicitare e rafforzare quei principi sociali di tutela del lavoro, dell’occupazione, dell’economia reale, della crescita, degli interessi collettivi rispetto agli interessi e alle tendenze del capitalismo finanziario parassitario, monopolizzante, deflattivi stico – quello che attualmente guida la politica e le riforme, dalla metà degli anni ’70 ad oggi;

2)      Far capire quindi a che cosa mira la politica delle riforme portata ultimamente avanti da Renzi e la sua inconciliabilità coi principi fondamentali della Costituzione del 1948;

3)      Proporre utili innovazioni funzionali della Costituzione, come il superamento del bicameralismo simmetrico in funzione di un bicameralismo differenziato.

PRINCIPI FONDAMENTALI

Preambolo

I principi fondamentali non possono essere derogati, sospesi o limitati da alcuna revisione costituzionale, da alcuna norma interna, da alcun trattato internazionale.

Ognuno può richiedere al giudice ordinario la disapplicazione delle norme che ritenga contrarie a uno o più principi fondamentali.

Art. 1

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sui principi di questa Costituzione e sui diritti dell’Uomo. 

La sovranità appartiene ai cittadini, che la esercitano nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Lo Stato tutela e persegue l’interesse della collettività nazionale; i cittadini italiani e quelli ad essi parificati, a condizione di reciprocità, hanno la priorità sugli altri nella concessione di servizi e benefici pubblici.

Le industrie e le infrastrutture strategiche di interesse nazionale, comprendenti i trasporti, le telecomunicazioni, gli armamenti e l’energia, sono sottoposte al controllo e alla direzione di un’apposita commissione permanente del Senato, istituita con apposita legge costituzionale.

La proprietà di tali industrie e infrastrutture non può essere straniera; le quote di proprietà straniera al momento dell’entrata in vigore della presente Costituzione sono espropriate e trasferite al Ministero del Tesoro, che provvederà ad indennizzare i loro legittimi titolari.

Art. 2

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e  richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale sia ai singoli, sia alle formazioni sociali, sia a tutti gli enti pubblici e privati, anche imprenditoriali.

Art. 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Le persone giuridiche private in quanto alla proprietà alla gestione o allo statuto, anche se affidatarie di servizi pubblici, non possono avere posizione sopraordinata rispetto al cittadino né poteri su di lui né privilegi di alcuna sorta nei rapporti con lui; ciò vale sia per il diritto sostanziale che per quello processuale.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Art. 4

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Non ha diritto a remunerazione la creazione, la cessione o il prestito di capitale monetario fiduciario o ad accettazione imposta dalla legge.

La sovranità popolare comprende la sovranità monetaria e di determinazione della politica economica; essa persegue il fine primario della piena occupazione e dello sviluppo, secondo criteri di efficienza, merito, tutela degli interessi collettivi e dei redditi reali. 

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria

scelta, una attività o una funzione che concorra al progresso materiale o

spirituale della società.

Art. 5

La Repubblica riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento.

Art. 6

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Art. 7

 Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e

I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti,

accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

Art. 8

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi

secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico

I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le

relative rappresentanze.

Art. 9

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e

Tutela il paesaggio, l’ecosistema, l’equilibrio idrogeologico e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Art. 10

Salvo quanto stabilito dalla Costituzione e dalle Leggi Costituzionali, l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale

generalmente riconosciute.

La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle

norme e dei trattati internazionali.

Lo straniero i cui diritti di libertà e sicurezza siano violati nel suo paese, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizionie nelle quantità di beneficiari stabilite dalla legge.

Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici.

Art. 11

L’Italia difende la sua sovranità territoriale e il controllo del propri confini; ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e

come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in

condizioni di parità con gli altri Stati, salvi i principi fondamentali della Costituzione compresa la sovranità popolare nazionale, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Art. 12

La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre

bande verticali di eguali dimensioni.

PARTE PRIMA. DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

Titolo I. Rapporti civili

Art. 13

La libertà personale è inviolabile.

Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione

personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto

motivato dall’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge,

l’autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che devono

essere comunicati entro quarantotto ore all’autorità giudiziaria e, se questa non li

convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi

di ogni effetto.

E’ punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a

restrizioni di libertà.

La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva.

Art. 14

Il domicilio è inviolabile.

Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o sequestri se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale.

Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanità e di incolumità pubblica o a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali.

Art. 15

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di

comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

Art. 16

Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del

territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per

motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da

ragioni politiche.

Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge.

Art. 17

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.

Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.

Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che

possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità

Art. 18

I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini

che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.

Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche

indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

Art. 19

Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi

forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.

La circostanza che un dato comportamento, anche se consistente in semplici dichiarazioni verbali o scritte, costituisca una pratica religiosa, non lo esime dalla punibilità penale, civile e amministrativa, se costituente illecito, né può costituire una attenuante ai fini penali.

Art. 20

Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d’una associazione od

istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, né di

speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di

attività.

Art. 21

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo

scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria

nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o

nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo

intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro si intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i

mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre

manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti

adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Art. 22

Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della

cittadinanza, del nome.

Art. 23

Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in

base alla legge.

Art. 24

Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi.

La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.

Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione.

La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari.

Art. 25

Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge.

Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso.

Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti

dalla legge.

Art. 26

L’estradizione del cittadino può essere consentita soltanto ove sia

espressamente prevista dalle convenzioni internazionali.

Non può in alcun caso essere ammessa per reati politici. (*)

Art. 27

La responsabilità penale è personale.

L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e

devono tendere, in quanto possibile e salva la priorità della tutela sociale, alla rieducazione del condannato.

Non è ammessa la pena di morte. (*)

Art. 28

I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente

responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in

violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli

enti pubblici.

Titolo II. Rapporti etico-sociali

Art. 29

La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul

Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

Art. 30

E’ dovere e diritto dei genitori, mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.

Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro

La legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale,

compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.

La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

Art. 31

La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose.

Protegge la maternità e l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a

tale scopo.

Art. 32

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Art. 33

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali

per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza

oneri per lo Stato.

Non possono essere adibite su minorenni tecniche di insegnamento che sfruttino effetti ipnotici o condizionanti, che limitino la libertà emotiva e cognitiva.

La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la

parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento

scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

E’ prescritto un esame di Stato per la ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi

ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

Art. 34

La scuola è aperta a tutti.

L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.

I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi

più alti degli studi.

La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle

famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.

Titolo III. Rapporti economici

Art. 35

La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

Cura la formazione e l’elevazione e l’aggiornamento professionale dei lavoratori.

Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad

affermare e regolare i diritti del lavoro.

Riconosce la libertà di emigrazione e tutela il lavoro italiano all’estero.

Art. 36

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.

La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può

Art. 37

La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni

che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire

l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e

al bambino una speciale e adeguata protezione.

La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato.

La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi,

a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

Art. 38

Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha

diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.

I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle

loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

disoccupazione involontaria.

Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale.

Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o

integrati dallo Stato.

L’assistenza privata è libera.

Art. 39

L’organizzazione sindacale è libera.

Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione

presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge.

E’ condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un

ordinamento interno a base democratica e che sia controllabile l’effettiva applicazione di questa.

I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati

unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro

con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il

contratto si riferisce.

In caso di scioglimento di partiti politici, sindacati e società di beneficienza, i loro patrimoni sono affidati in gestione a un commissario liquidatore nominato da apposita sezione della Corte dei Conti. L’eventuale ricavato netto dalla liquidazione sarà incamerato dall’erario.

Art. 40

Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano.

Art. 41

L’iniziativa economica privata è libera.

Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno

alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Art. 42

La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad

enti o a privati.

La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i

modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione

sociale e di renderla accessibile a tutti.

La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo

indennizzo, espropriata per motivi d’interesse generale.

La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità.

Art. 43

A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire,

mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a

comunità di lavoratori o di utenti, determinate imprese o categorie di imprese,

che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di

monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale.

Art. 44

Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà.

La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

Art. 45

La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di

mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce

l’incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il

carattere e le finalità.

La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato.

Art. 46

Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro e in armonia con le

esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a

collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende.

Art. 47

La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina,

coordina e controlla l’esercizio del credito.

Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla

proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei

grandi complessi produttivi del Paese.

Titolo IV. Rapporti politici

Art. 48

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore

età e che risiedono nel territorio della Repubblica.

Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.

La legge stabilisce requisiti e modalità per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini

residenti all’estero e ne assicura l’effettività. A tale fine è istituita una

circoscrizione Estero per l’elezione delle Camere, alla quale sono assegnati

seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati

dalla legge. (*)

Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di

sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

Art. 49

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con

metodo democratico a determinare la politica nazionale.

Art. 50

Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere

provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità.

Art. 51

Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e

alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla

legge. A tale fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari

opportunità tra donne e uomini. (*)

La legge può, per l’ammissione ai pubblici uffici e alle cariche elettive, parificare

ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.

Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo

necessario al loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro.

Art. 52

La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino.

Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo

adempimento non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, né l’esercizio dei

diritti politici.

L’ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito democratico della

Art. 53

Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità

Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

Art. 54

Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la

Costituzione e le leggi.

I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle, con

disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

PARTE SECONDA. ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA

Titolo I. Il Parlamento

Sezione I. Le Camere

Art. 55

Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della

Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri delle due Camere nei soli

casi stabiliti dalla Costituzione.

Art. 56

La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto.

Il numero dei deputati è di trecento.

Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno

compiuto i venticinque anni di età.

La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall’ultimo censimento generale della popolazione, per trecento e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.

Una legge costituzionale regola le elezioni in modo da favorire la formazione di una maggioranza parlamentare.

Art. 57

Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale.

Il numero dei senatori elettivi è di trecento oltre i membri a vita.

Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a tre; la Valle d’Aosta ne ha uno.

La ripartizione dei seggi tra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati

alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente

comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale risulta

dall’ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.

Art. 58

I senatori sono eletti a suffragio universale, proporzionale e diretto,senza soglie di sbarramento e senza premi di maggioranza, dagli elettori che hanno superato il venticinquesimo anno di età.

Sono eleggibili a senatori gli elettori che hanno compiuto il trentesimoanno.

20

Art. 59

E’ senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della

Art. 60

La Camera dei deputati è eletta per quattro anni. Il Senato della Repubblica è eletto per sei anni .

La durata di ciascuna Camera non può essere prorogata se non per legge e soltanto in caso di guerra.

Art. 61

Le elezioni delle nuove Camere hanno luogo entro settanta giorni dalla fine delle

precedenti. La prima riunione ha luogo non oltre il ventesimo giorno dalle

Finché non siano riunite le nuove Camere sono prorogati i poteri delle

Art. 62

Le Camere si riuniscono di diritto il primo giorno non festivo di febbraio e di

Ciascuna Camera può essere convocata in via straordinaria per iniziativa del suo Presidente o del Presidente della Repubblica o di un terzo dei suoi componenti.

Art. 63

Ciascuna Camera elegge fra i suoi componenti il Presidente e l’Ufficio di

Quando il Parlamento si riunisce in seduta comune, il Presidente e l’Ufficio di presidenza sono quelli della Camera dei deputati.

Art. 64

Ciascuna Camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.

Le sedute sono pubbliche: tuttavia ciascuna delle due Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare di adunarsi in seduta segreta.

Le deliberazioni di ciascuna Camera e del Parlamento non sono valide se non è presente la maggioranza dei loro componenti, e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una maggioranza speciale.

I membri del Governo, anche se non fanno parte delle Camere, hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere alle sedute. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono.

Art. 65

La legge determina i casi di ineleggibilità e di incompatibilità con l’ufficio di

deputato o di senatore.

Nessuno può appartenere contemporaneamente alle due Camere.

Art. 66

Ciascuna Camera giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.

Art. 67

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Art. 68

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle

opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna,ovvero se sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza.

Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza. (*)

Art. 69

I membri del Parlamento ricevono una indennità stabilita dalla legge.

Sezione II. La formazione delle leggi

Art. 70

La funzione legislativa è esercitata dalle due Camere. La Camera dei Deputati è competente in via esclusiva per la legislazione ordinaria. Il Senato è competente per la legislazione in materia di cittadinanza e giurisdizione nonché per le leggi costituzionali e per le revisioni della Costituzione.

Art. 71

L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo, a ciascun membro delle Camere per le competenze della Camera di sua appartenenza, ed agli organi ed enti ai quali sia conferita da legge costituzionale.

Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli.

Art. 72

Ogni disegno di legge, presentato ad una Camera è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato da una commissione e poi dalla Camera stessa, che l’approva articolo per articolo e con votazione finale.

Il regolamento stabilisce procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata l’urgenza.

Può altresì stabilire in quali casi e forme l’esame e l’approvazione dei disegni di legge sono deferiti a commissioni, anche permanenti, composte in modo da rispecchiare la proporzione dei gruppi parlamentari. Anche in tali casi, fino al momento della sua approvazione definitiva, il disegno di legge è rimesso alla Camera, se il Governo o un decimo dei componenti della Camera o un quinto della commissione richiedono che sia discusso e votato dalla Camera stessa oppure che sia sottoposto alla sua approvazione finale con sole dichiarazioni di voto. Il regolamento determina le forme di pubblicità dei lavori delle commissioni.

La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.

Art. 73

Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese

dall’approvazione.

Se una Camera, a maggioranza assoluta dei propri componenti, dichiara l’urgenza di una legge da essa emanata, la legge è promulgata nel termine da essa stabilito.

Le leggi sono pubblicate subito dopo la promulgazione ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso.

Art. 74

Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alla Camera interessata chiedere una nuova deliberazione.

Se essa approva nuovamente la legge, questa deve essere promulgata.

Il Senato, a maggioranza dei tre quinti dei componenti, può porre il veto sulle leggi emanate dalla Camera entro trenta giorni dall’approvazione.

Se la Camera approva nuovamente la legge con la maggioranza dei due terzi dei deputati, essa deve essere promulgata.

Art. 75

E’ indetto referendum popolare per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.

E’ ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.

Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.

La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.

La legge determina le modalità di attuazione del referendum.

Art. 76

L’esercizio della funzione legislativa non può essere delegato al Governo se non per le sole leggi di competenza della Camera e con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

Art. 77

Il Governo non può, senza delegazione della Camera, emanare decreti che

abbiano valore di legge ordinaria nelle materie di competenza di questa.

Quando, in casi straordinari di necessità e d’urgenza, il Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alla Camera che, anche se sciolta, è appositamente convocata e si riunisce entro cinque giorni .

I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. La Camera può tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti.

Art. 78

Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri

Art. 79

L’amnistia e l’indulto sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera, in ogni suo articolo e nella  votazione finale.

La legge che concede l’amnistia o l’indulto stabilisce il termine per la loro

In ogni caso l’amnistia e l’indulto non possono applicarsi ai reati commessi

successivamente alla presentazione del disegno di legge. (*)

Art. 80

Il Senato autorizza con legge la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica, o prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi.

Art. 81 Sovranità monetaria e assicurazione della liquidità necessaria al Paese

La Camera approva ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo presentati

dal Governo.

Per il fabbisogno della Repubblica, lo Stato emette direttamente moneta legale in forma cartacea o metallica, senza contrarre debito e senza emissione di titoli di debito.

Lo Stato non riconosce altra moneta legale che questa.

L’emissione avviene attraverso un apposito istituto nazionale, detto Istituto per la Moneta e il Credito, nei tempi e nelle quantità stabilite da una apposita commissione bicamerale paritetica permanente presieduta dal Ministro del Tesoro, il cui voto vale doppio in caso di parità.

L’offerta monetaria primaria e i pubblici investimenti dovranno essere regolati e orientati all’incremento della produzione utile di beni e servizi secondo criteri di efficienza della spesa in funzione del risultato produttivo. Dovranno tendere alla piena occupazione e all’attivazione del potenziale produttivo nazionale, avendo riguardo alla tutela del potere d’acquisto reale dei redditi e del risparmio, alla moderazione delle spinte inflazionistiche, nonché alla sostenibilità ecologica al perseguimento del costante ammodernamento scientifico e tecnologico.

Il predetto istituto, sotto la direzione della predetta commissione bicamerale, vigila e regola l’attività bancaria e creditizia, assicurando l’adeguata disponibilità di mezzi monetari nel Paese e l’accesso al credito a condizioni eque e sostenibili da parte dei soggetti economici, nonché contrastando la formazione di monopoli e cartelli. A tali fini, possono essere istituite banche di credito di capitale pubblico e di diritto pubblico.

I soggetti abilitati all’esercizio del credito e alla raccolta del risparmio non possono esercitare in proprio, nemmeno attraverso altre imprese o attraverso persone fisiche o giuridiche, attività di speculazione finanziaria o di arbitraggio o trading.

I depositi bancari, salva diversa pattuizione, avranno la natura giuridica di depositi regolari.

L’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi.

Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese.

Ogni altra legge che importi nuove e maggiori spese deve indicare i mezzi per farvi fronte.

Art. 82

Ciascuna Camera può disporre inchieste su materie di pubblico interesse.

A tale scopo nomina fra i propri componenti una commissione formata in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. La commissione di inchiesta

procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni della autorità giudiziaria.

Titolo II. Il Presidente della Repubblica

Art. 83

Il Presidente della Repubblica è eletto dal Senato.

All’elezione partecipano tre delegati per ogni Regione eletti dal Consiglio

regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. La Valle d’Aosta ha un solo delegato.

L’elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a

maggioranza di due terzi della assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.

Art. 84

Può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto cinquanta anni di età e goda dei diritti civili e politici.

L’ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica.

L’assegno e la dotazione del Presidente sono determinati per legge.

Art. 85

Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni.

Trenta giorni prima che scada il termine, il Presidente del Senato

convoca in seduta comune il Senato e i delegati regionali, per eleggere il

nuovo Presidente della Repubblica.

Se manca meno di tre mesi alla cessazione del Senato, la elezione ha luogo entro quindici giorni dalla riunione del novello Senato. Nel frattempo sono prorogati i poteri del Presidente in carica.

Art. 86

Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato.

In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente del Senato indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se il Senato è sciolto o manca meno di tre mesi alla sua cessazione.

Art. 87

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità

Può inviare messaggi alle Camere.

Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione.

Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del

Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.

Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.

Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato.

Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione della Camera competente.

Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa

costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere.

Presiede il Consiglio superiore della magistratura.

Può concedere grazia e commutare le pene.

Conferisce le onorificenze della Repubblica.

 

Art. 88

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i Presidenti delle Camere, sciogliere la Camera dei Deputati.

Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura. (*)

Art. 89

Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se non è controfirmato dai ministri proponenti, che ne assumono la responsabilità.

Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri indicati dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del Consiglio dei ministri.

Art. 90

Il Presidente della Repubblica è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio

delle sue funzioni, in caso di violazione delle leggi, della Costituzione o della lealtà alla Repubblica.

In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune, a

maggioranza assoluta dei suoi membri.

Art. 91

Il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue funzioni, presta

giuramento di fedeltà alla Repubblica e di osservanza della Costituzione dinanzi al Parlamento in seduta comune.

Titolo III. Il Governo

Sezione I. Il Consiglio dei ministri

Art. 92

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei

ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

Art. 93

Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, prima di assumere le funzioni, prestano giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica.

Art. 94

Il Governo deve avere la fiducia della camera dei Deputati..

Essa accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e

votata per appello nominale.

Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alla Camera per ottenerne la fiducia.

Il voto contrario della Camera su una proposta del Governo non importa la decadenza di questo.

La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione.

Art. 95

Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico ed amministrativo, promovendo e coordinando l’attività dei ministri.

Può revocare i ministri.

I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri, e individualmente degli atti dei loro dicasteri.

La legge provvede all’ordinamento della Presidenza del Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri.

Art. 96

Il Presidente del Consiglio dei ministri ed i ministri, anche se cessati dalla carica, sono sottoposti, per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della Repubblica.

Sezione II. La Pubblica Amministrazione

Art. 97

I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e la imparzialità dell’amministrazione.

Nell’ordinamento degli uffici sono determinate le sfere di competenza, le

attribuzioni e le responsabilità proprie dei funzionari.

Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge.

Art. 98

I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.

Se sono membri del Parlamento, non possono conseguire promozioni se non per anzianità.

Si possono con legge stabilire limitazioni al diritto d’iscriversi ai partiti politici per i magistrati, i militari di carriera in servizio attivo, i funzionari ed agenti di polizia, i rappresentanti diplomatici e consolari all’estero.

Sezione III. Gli organi ausiliari

Art. 99

Il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro è composto, nei modi stabiliti dalla legge, di esperti e di rappresentanti delle categorie produttive, in misura che tenga conto della loro importanza numerica e qualitativa.

E’ organo di consulenza delle Camere e del Governo per le materie e secondo le funzioni che gli sono attribuite dalla legge.

Ha l’iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione della legislazione economica e sociale secondo i principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge.

Art. 100

Il Consiglio di Stato è organo di consulenza giuridico-amministrativa e di tutela della giustizia nell’amministrazione.

La Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimità sugli atti del

Governo, e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato.

Partecipa, nei casi e nelle forme stabilite dalla legge, al controllo sulla gestione

finanziaria degli enti a cui lo Stato contribuisce in via ordinaria. Riferisce

direttamente alle Camere sul risultato del riscontro eseguito.

La legge assicura l’indipendenza dei due istituti e dei loro componenti di fronte al Governo.

Titolo IV. La magistratura

Sezione I. Ordinamento giurisdizionale

Art. 101

La giustizia è amministrata in nome del popolo.

I magistrati sono soggetti soltanto alla legge.

Art. 102

La funzione giurisdizionale è esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento giudiziario.

Non possono essere istituiti giudici straordinari o giudici speciali. Possono soltanto istituirsi presso gli organi giudiziari ordinari sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei estranei alla magistratura.

I giudici speciali in essere, salve le eccezioni stabilite dalla Costituzione, sono sciolti e sostituiti con sezioni specializzate.

La legge regola i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo

all’amministrazione della giustizia.

Art. 103

La Corte dei conti ha giurisdizione nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge.

I tribunali militari in tempo di guerra hanno la giurisdizione stabilita dalla legge. In tempo di pace hanno giurisdizione soltanto per i reati militari commessi da

appartenenti alle Forze armate.

Art. 104

La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni potere, salvo quanto stabilito dalla Costituzione.

Il Consiglio superiore della magistratura si divide in sue sezioni, una per i magistrati del pubblico ministero e una per i magistrati giudicanti; ciascuna sezione è presieduta dal Presidente della Repubblica.

Ne fanno parte di diritto il primo presidente e il procuratore generale della Corte di cassazione.

Gli altri componenti sono eletti per due terzi da tutti i magistrati ordinari tra gli appartenenti alle varie categorie, e per un terzo dal Parlamento in seduta comune tra professori ordinari di università in materie giuridiche ed avvocati dopo quindici anni di esercizio.

Ciascuna sezione del Consiglio elegge un vicepresidente fra i componenti designati dal Parlamento.

I membri elettivi del Consiglio durano in carica quattro anni e non sono

immediatamente rieleggibili.

Non possono, finché sono in carica, essere iscritti, negli albi professionali, né far parte del Parlamento o di un Consiglio regionale.

Art. 105

Spettano separatamentealle due sezioni del Consiglio superiore della magistratura, secondo le norme dell’ordinamento giudiziario, le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati di rispettiva appartenenza.

Art. 106

Le nomine dei magistrati hanno luogo per concorso.

La legge sull’ordinamento giudiziario può ammettere la nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le funzioni attribuite a giudici singoli.

Su designazione del Consiglio superiore della magistratura possono essere

chiamati all’ufficio di consiglieri di cassazione, per meriti insigni, professori

ordinari di università in materie giuridiche e avvocati che abbiano quindici anni di esercizio e siano iscritti negli albi speciali per le giurisdizioni superiori.

Art. 107

I magistrati sono inamovibili. Non possono essere dispensati o sospesi dal

servizio né destinati ad altre sedi o funzioni se non in seguito a decisione del Consiglio superiore della magistratura, adottata o per i motivi e con le garanzie di difesa stabilite dall’ordinamento giudiziario o con il loro consenso.

Il Ministro della giustizia ha facoltà di promuovere l’azione disciplinare.

I magistrati si distinguono fra loro soltanto per diversità di funzioni.

Il pubblico ministero gode delle garanzie stabilite nei suoi riguardi dalle norme sull’ordinamento giudiziario.

Art. 108

Le norme sull’ordinamento giudiziario e su ogni magistratura sono stabilite con legge.

La legge assicura l’indipendenza dei giudici delle giurisdizioni speciali, del

pubblico ministero presso di esse, e degli estranei che partecipano

all’amministrazione della giustizia.

Art. 109

L’autorità giudiziaria dispone direttamente della polizia giudiziaria.

Art. 110

Ferme le competenze del Consiglio superiore della magistratura, spettano al Ministro della giustizia l’organizzazione e il funzionamento dei servizi relativi alla giustizia.

Sezione II. Norme sulla giurisdizione

Art. 111

La giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge.

Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata.

Nel processo penale, la legge assicura che la persona accusata di un reato sia, nel più breve tempo possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi dell’accusa elevata a suo carico; i fatti imputati devono essere contestati in modo preciso, con riferimento al singolo accusato, e in guisa tale da consentire la difesa; disponga del tempo e delle condizioni necessari per preparare la sua difesa; abbia la facoltà, davanti al giudice, di interrogare o di far interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo carico, di ottenere la convocazione e l’interrogatorio di persone a sua difesa nelle stesse condizioni

dell’accusa e l’acquisizione di ogni altro mezzo di prova a suo favore; sia assistita da un interprete se non comprende o non parla la lingua impiegata nel processo.

Il processo penale è regolato dal principio del contraddittorio nella formazione della prova. L’oggetto del processo penale è la verifica della tesi accusatoria portata contro l’imputato. L’onere della prova grava sull’accusatore e non è assolto finché sussista una spiegazione dei fatti accertati escludente la colpevolezza. La colpevolezza dell’imputato non può essere provata sulla base di dichiarazioni rese da chi, per libera scelta, si è sempre volontariamente sottratto all’interrogatorio da parte dell’imputato o del suo difensore.

La legge regola i casi in cui la formazione della prova non ha luogo in

contraddittorio per consenso dell’imputato o per accertata impossibilità di natura oggettiva o per effetto di provata condotta illecita.

Tutti i provvedimenti giurisdizionali devono essere motivati.

Contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà personale, pronunciati dagli organi giurisdizionali ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso in cassazione per violazione di legge. Si può derogare a tale norma soltanto per le sentenze dei tribunali militari in tempo di guerra.

Contro le decisioni del Consiglio di Stato e della Corte dei conti il ricorso in

cassazione è ammesso per i soli motivi inerenti alla giurisdizione.

Art. 112

Il pubblico ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale. Qualora ritenga che non sussista reato, o questo sia estinto o non perseguibile, richiede al giudice l’archiviazione dandone notizia alle persone offese, al denunciante, agli indagati, che tutti possono opporsi avanti al giudice.

Art. 113.

Contro gli atti della pubblica amministrazione, inclusi quelli tributari e previdenziali, è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi alle sezioni specializzate degli organi di giurisdizione ordinaria.

Tale tutela giurisdizionale non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti.

Non sono ammessi giudici speciali, esclusi quelli militari; quelli esistenti decadono e sono sostituiti dalle sezioni speciali degli organi di giurisdizione ordinaria.

TITOLO V

LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI

Art. 114. (1)

La Repubblica è suddivisa in Regioni; ciascuna regione è suddivisa in comuni metropolitani, composti ciascuno da un centro metropolitano e dal suo circondario; e consorzi multicomunali, composti ciascuno da un numero variabile di centri urbani minori. I comuni metropolitani e i consorzi multi comunali saranno istituiti da leggi regionali, avendo riguardo a criteri di funzionalità e omogeneità.

I predetti enti territoriali sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.

Ciascuno di detti enti, per le rispettive competenze, è fiscalmente autonomo e autosufficiente.

Ciascuno di essi concorre alle spese nazionali per una quota non superiore a un quarto del proprio prodotto interno.

Con legge costituzionale è istituito un ente nazionale per il sostegno degli enti che, per ragioni contingenti o emergenziali nonché per gli interventi di soluzione di difficoltà strutturali. Il detto ente potrà dare prescrizioni per il risanamento e l’efficientamento degli enti assistiti e può commissariarli in caso di violazione delle prescrizioni o incapacità ad eseguirle.

Il detto ente è amministrato da un consiglio rappresentante tutte le regioni ed è sorvegliato da un organismo ispettivo composto da rappresentanti delle regioni contributrici nette del detto ente.

Roma e’ la capitale della Repubblica.

Art. 115. (1)

Leggi costituzionali stabiliscono le competenze legislative esclusive dello Stato.

Art. 116. (1)

Sono aboliti gli Statuti speciali regionali e provinciali. Le province autonome di Trento e Bolzano sono trasformate nelle regioni Trentino e Alto Adige rispettivamente. La Regione Trentino-Alto Adige è disciolta.

Art. 117. (1)

Art. 118 (1).

Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite a Regioni e Stato, sulla base dei principi di sussidiarieta’, differenziazione ed adeguatezza.

Gli enti pubblici territoriali sono titolari di funzioni amministrative proprie e di quelle conferite con legge statale o regionale, secondo le rispettive competenze.

La legge statale disciplina forme di coordinamento fra Stato e Regioni nelle materie di cui alle lettere b) e h) del secondo comma dell’articolo 117, e disciplina inoltre forme di intesa e coordinamento nella materia della tutela dei beni culturali.

Stato, Regioni, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attivita’ di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarieta’.

Art. 119. (1)

Gli enti pubblici territoriali hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa, nel rispetto dell’equilibrio dei relativi bilanci, e concorrono ad assicurare l’osservanza dei vincoli economici e finanziari derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea (2).

Gli enti pubblici territoriali hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.

Gli enti pubblici territoriali hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere all’indebitamento solo per finanziare spese di investimento e manutenzione, con la contestuale definizione di piani di ammortamento. E’ esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti.

Art. 120. (1)

La Regione non puo’ istituire dazi di importazione o esportazione o transito tra le Regioni, ne’ adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle cose tra le Regioni, ne’ limitare l’esercizio del diritto al lavoro in qualunque parte del territorio nazionale.

Il Governo puo’ sostituirsi a organi delle Regioni, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l’incolumita’ e la sicurezza pubblica, ovvero quando lo richiedono la tutela dell’unita’ giuridica o dell’unita’ economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, rescindendo dai confini territoriali dei governi locali. La legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio di sussidiarieta’ e del rincipio di leale collaborazione.

Art. 121. (1)

Sono organi della Regione: il Consiglio regionale, la Giunta e il suo presidente.

Il Consiglio regionale esercita le potesta’ legislative attribuite alla Regione e le altre funzioni conferitegli dalla Costituzione e dalle leggi. Puo’ fare proposte di legge alle Camere.

La Giunta regionale e’ l’organo esecutivo delle Regioni.

Il Presidente della Giunta rappresenta la Regione; dirige la politica della Giunta e ne e’ responsabile; promulga le leggi ed emana i regolamenti regionali; dirige le funzioni amministrative delegate dallo Stato alla Regione, conformandosi alle istruzioni del Governo della Repubblica.

Art. 122. (1)

Il sistema di elezione e i casi di ineleggibilita’ e di incompatibilita’ del Presidente e degli altri componenti della Giunta regionale nonche’ dei consiglieri regionali sono disciplinati con legge della Regione nei limiti dei principi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica, che stabilisce anche la durata degli organi elettivi.

Nessuno puo’ appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento, ad un altro Consiglio o ad altra Giunta regionale, ovvero al Parlamento europeo.

Il Consiglio elegge tra i suoi componenti un Presidente e un ufficio di presidenza.

I consiglieri regionali non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.

Il Presidente della Giunta regionale, salvo che lo statuto regionale disponga diversamente, e’ eletto a suffragio universale e diretto. Il Presidente eletto nomina e revoca i componenti della Giunta.

Art. 123. (1)

Ciascuna Regione ha uno statuto che, in armonia con la Costituzione, ne determina la forma di governo e i principi fondamentali di organizzazione e funzionamento.

Lo statuto regola l’esercizio del diritto di iniziativa e del referendum su leggi e provvedimenti amministrativi della Regione e la pubblicazione delle leggi e dei regolamenti regionali.

Lo statuto e’ approvato e modificato dal Consiglio regionale con legge approvata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, con due deliberazioni successive adottate ad intervallo non minore di due mesi. Per tale legge non e’ richiesta l’apposizione del visto da parte del Commissario del Governo. Il Governo della Repubblica puo’ promuovere la questione di legittimita’ costituzionale sugli statuti regionali dinanzi alla Corte costituzionale entro trenta giorni dalla loro pubblicazione. Lo statuto e’ sottoposto a referendum popolare qualora entro tre mesi dalla sua pubblicazione ne faccia richiesta un cinquantesimo degli elettori della Regione o un quinto dei componenti il Consiglio regionale. Lo statuto sottoposto al referendum non e’ promulgato se non e’ approvato dalla maggiornaza dei voti validi. (1)

In ogni Regione, lo statuto disciplina il Consiglio delle autonomie locali, quale organo di consultazione fra la Regione e gli enti locali. (2)

Art. 124. (1)

[Articolo abrogato dall’articolo 9 della Legge 18 ottobre 2001, n. 3.]

Art. 125. (1)

Abrogato (Tar)

Art. 126. (1)

Con decreto motivato del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale e la rimozione del Presidente della Giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge. Lo scioglimento e la rimozione possono altresi’ essere disposti per ragioni di sicurezza nazionale. Il decreto e’ adottato sentita una Commissione di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti con legge della Repubblica.

Il Consiglio regionale puo’ esprimere la sfiducia nei confronti del Presidente della Giunta mediante mozione motivata, sottoscritta da almeno un quinto dei suoi componenti e approvata per appello nominale a maggioranza assoluta dei componenti. La mozione non puo’ essere messa in discussione prima di tre giorni dalla presentazione.

L’approvazione della mozione di sfiducia nei confronti del Presidente della Giunta eletto a suffragio universale e diretto, nonche’ la rimozione, l’impedimento permanente, la morte o le dimissioni volontarie dello stesso comportano le dimissioni della Giunta e lo scioglimento del Consiglio. In ogni caso i medesimi effetti conseguono alle dimissioni contestuali della maggiornaza dei componenti il Consiglio.

Art. 127. (1)

Il Governo, quando ritenga che una legge regionale ecceda la competenza della Regione, puo’ promuovere la questione di legittimita’ costituzionale dinanzi alla Corte costituzionale entro sessanta giorni dalla sua pubblicazione.

La Regione, quando ritenga che una legge o un atto avente valore di legge dello Stato o di un’altra Regione leda la sua sfera di competenza, puo’ promuovere la questione di legittimita’ costituzionale dinanzi alla Corte costituzionale entro sessanta giorni dalla pubblicazione della legge o dell’atto avente valore di legge.

Art. 128. (1)

[Articolo abrogato dall’articolo 9 della Legge 18 ottobre 2001, n. 3.]

Art. 129. (1)

[Articolo abrogato dall’articolo 9 della Legge 18 ottobre 2001, n. 3.]

Art. 130. (1)

[Articolo abrogato dall’articolo 9 della Legge 18 ottobre 2001, n. 3.]

Art. 131. (1)

Sono costituite le seguenti Regioni:

Piemonte; Valle d’Aosta; Lombardia; Trentino; Alto Adige; Veneto; Friuli-Venezia Giulia; Liguria; Emilia-Romagna; Toscana; Umbria; Marche; Lazio; Abruzzi-Molise Campania; Puglia; Basilicata; Calabria; Sicilia; Sardegna.

Art. 132.

Si puo’ con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d’abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse. (1)

Si puo’, con l’approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione ed aggregati ad un’altra. (2)

Art. 133.

Il mutamento delle circoscrizioni provinciali e la istituzione di nuove Provincie nell’ambito d’una Regione sono stabiliti con leggi della Repubblica, su iniziative dei Comuni, sentita la stessa Regione.

La Regione, sentite le popolazioni interessate, puo’ con sue leggi istituire nel proprio territorio nuovi Comuni e modificare le loro circoscrizioni e denominazioni.

TITOLO VI

GARANZIE COSTITUZIONALISezione ILa Corte Costituzionale.Art. 134.

La Corte Costituzionale giudica:

sulle controversie relative alla legittimita’ costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni;

sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e su quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni;

sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica, a norma della Costituzione. (1)

Art. 135. (1)

La Corte costituzionale e’ composta di quindici giudici nominati per un terzo dal Presidente della Repubblica, per un terzo dal Senato in seduta comune e per un terzo dalle supreme magistrature.

I giudici della Corte costituzionale sono scelti tra i magistrati anche a riposo delle giurisdizioni superiori ordinaria ed amministrative, i professori ordinari di universita’ in materie giuridiche e gli avvocati dopo venti anni d’esercizio.

I giudici della Corte costituzionale sono nominati per nove anni, decorrenti per ciascuno di essi dal giorno del giuramento, e non possono essere nuovamente nominati.

Alla scadenza del termine il giudice costituzionale cessa dalla carica e dall’esercizio delle funzioni.

La Corte elegge tra i suoi componenti, secondo le norme stabilite dalla legge, il Presidente, che rimane in carica per un triennio, ed e’ rieleggibile, fermi in ogni caso i termini di scadenza dall’ufficio di giudice. (2)

L’ufficio di giudice della Corte e’ incompatibile con quello di membro del Parlamento, di un Consiglio regionale, con l’esercizio della professione di avvocato e con ogni carica ed ufficio indicati dalla legge. (3)

–—————

Art. 136.

Quando la Corte dichiara l’illegittimita’ costituzionale di una norma di legge o di atto avente forza di legge, la norma cessa di avere efficacia dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione.

La decisione della Corte e’ pubblicata e comunicata alle Camere ed ai Consigli regionali interessati, affinche’, ove lo ritengano necessario, provvedano nelle forme costituzionali. (1)

Art. 137.

Una legge costituzionale stabilisce le condizioni, le forme, i termini di proponibilita’ dei giudizi di legittimita’ costituzionale, e le garanzie d’indipendenza dei giudici della Corte. (1)

Con legge ordinaria sono stabilite le altre norme necessarie per la costituzione e il funzionamento della Corte. (2)

Contro le decisioni della Corte costituzionale non e’ ammessa alcuna impugnazione.

Sezione II

Revisione della Costituzione. Leggi costituzionali.

Art. 138.

Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate dal Senato con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta nella seconda votazione. Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri del Senato o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non e’ promulgata, se non e’ approvata dalla maggioranza dei voti validi. Non si fa luogo a referendum se la legge e’ stata approvata nella seconda votazione a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a COSTITUZIONE 2014: MIA PROPOSTA – CHE NE PENSATE?

  1. Pingback: LIBRE friends LIBRE news Recensioni segnalazioni Della Luna: moneta sovrana per legge, in Costituzione - Blog-VoxPopuli | Blog Economia | Blog Politica

  2. Pingback: Della Luna: moneta sovrana per legge, in Costituzione

  3. Pingback: UNA COSTITUZIONE DAL BASSO | ICONICON POST

  4. juana iguana scrive:

    Ottima proposta,e non può sfuggire la aggiunta da parte NEGRI CLAUDIO,credo che dei partiti ufficiali solo la Lega potrebbe sostenerla,essendo tutti gli altri asserviti completamente alle banche e “mercati”….Cosa potrebbe fare un semplice cittadino per pomuoverla?Oltre che postare nei miei gruppi FB ,cosa potrei fare?..Mi faccia sapere:-)

  5. NEGRI CLAUDIO scrive:

    Si possono concepire tutte le alchimie di questo mondo ma una costituzione che voglia definirsi figlia di un popolo sovrano, anziché progenitrice di un popolo di sudditi o dogma ideologico, dovrebbe innanzitutto permettere al popolo stesso di poterla modificare. L’alternativa è la situazione attuale, ovvero uno scafandro calato obbligatoriamente su ognuno di noi e dal quale non è possibile liberarci.
    Alcuni spunti per una vera sovranità di popolo:
    – I delegati che amministrano il paese (ministri, deputati, senatori e quant’altro) devono rispettare il mandato (promesse e programmi) grazie al quale sono stati eletti. Se non lo rispettano devono poter essere licenziati.
    – I delegati sono responsabili e perseguibili nell’esercizio delle loro funzioni come qualsiasi altro cittadino.
    – La costituzione deve prevedere modalità e percorsi affinché i cittadini possano chiedere la destituzione di quei delegati che non rispettano il loro mandato o che vìolino la costituzione.
    – Le cosiddette verifiche di Governo e al Governo sono prerogative non dei delegati ma del popolo sovrano.
    – I testi delle leggi devono essere a prova di somaro ed avere significati unici e univoci. Le leggi non possono essere interpretate ma attuate in conformità del loro significato letterale e grammaticale.
    – Le forze dell’ordine, qualora la magistratura latiti, possono intervenire in presenza di palesi violazioni alla costituzione ponendo i soggetti responsabili delle violazioni sotto sequestro, obbligando così la magistratura a farsene carico. (Vedi le violazioni alla costituzione commesse dal Presidente Napolitano nell’esercizio delle sue funzioni, oppure lo sfregio di quei delegati eletti in uno schieramento che cambiano casacca e programma incuranti delle promesse fatte per ottenere l’investitura, tutelati in questo dall’attuale costituzione.)
    – E poi basta con questi pseudo diritti che esistono solo sulla carta e non nella realtà. Quando si sancisce un diritto si deve sancire anche il dovere da parte di chi è tenuto ad erogare quel diritto.
    – Il federalismo è di fatto l’unico collante di un paese con aree eterogenee in tutto, tenuto assieme solo con l’inganno e le minacce.
    .. e via dicendo.
    Per il resto sono d’accordo su molte delle cose espresse.
    Scusate se mi sono permesso.

  6. ahfesa scrive:

    Caro avvocato,

    E spettabli lettori, permettete una precisazione : il fatto che io abbia espresso critiche all`idea di profondersi nella fatica di Sisifo quale é quella di riscrivere la costituzione, non vuol dire che io non concordi con moltissimi dei principi espressi. Su alcuni altri ho delle riserve di principio su altri ancora di natura pratica. Ad esempio giudico pericolossimo il fissare il tetto del 25% del PIL regionale quale quota di contribuzione massima alle spese nazionali. Ciò significherebbe che il 25% del nostro reddito andrebbe a copertura dei soli costi dello stato. Quindi ci sarebbe ancora da contribuire alle spese di comune e regione e ciò in pratica (dato che é inevitabile l`applicazione dell`aliquota massima consentita o pochissimo al di sotto) equivarrebbe ad una tassazione se non superiore molto prossima al 50%. E se si sommano i contributi previdenziali ed assicurativi obbligatori arriviamo all`attuale 70 ed oltre % che é la prima causa del blocco totale del paese.
    Come pure per ragioni pratiche non credo alla possibilità di instaurare una commissione di controllo sulle spese regionali (dotata di veri poteri) formata dalle sole regioni contributrici.

    Ma come ho scritto tutto questo disquisire é inutile perchè non si menzionano alcuni aspetti propedeutici imprescindibili.
    Ovvvero ogni carica che importi un qualsiasi potere dispositivo sui concittadini deve essere elettiva o attribuita in base a pubblico concorso. E se é elettiva chiunque, salvo limitatissime eccezioni, deve potersi gratuitamente candidare senza l`intermediazione di alcuno, persona, ente partito.. Come chiunque abbia i requisiti previsti può partecipare ai concorsi. Inoltre nessuna carica elettiva o per concorso può essere a vita e senza soluzione di continuità. Nel senso che gli eletti scaduti di carica possono ripresentarsi solo un`altra volta e se rieletti allo scadere del secondo mandato devono obbligatoriamente trascorrere un periodo non inferiore ai 10 anni come privati cittadini prima di poter concorrere ad altre, ma differenti cariche. Come pure chi detiene un posto in base a concorso deve sottoporsi a periodiche verifiche per controllare la sussistenza dei requisiti di carica. I magistrati possono essere scelti per concorso, ma non possono durare a vita ed essere promossi per anzianità, bensì la loro carica deve essere temporanea e non ripetibile. Chi occupa cariche pubbliche ha diritto ad un compenso, anche elevato, ma deve rispondere del proprio operato ed essere rimuovibile in caso di manifesta inadeguatezza. E terminata la carica non ci possono essere né pensioni né buonuscite.

    Tuttavia la cosa principale, come diceva quel signore che non si intendeva solo di parafulmini ed é sui 100 dollari, é che la salvaguardia delle buone leggi non può dipendere da altre buone leggi, bensì dalla nostra privata ed individuale coscienza sociale e civica. Ovvero p.e. non servono leggi che cerchino di vietare ai delinquenti l`accesso alal cariche pubbliche, ma devono essere gli elettori che semplicemente prendono a pernacchie gli inquisiti, condannati, falliti, buffoni, bancarottieri e similia che vogliono magari evitare le giuste conseguenze delle loro azioni mettendosi in politica.
    E la forza di una pubblica istituzione non risiede nei suoi poteri ma nel suo decoro, che come bene più prezioso deve essere attentamente salvaguardato allontanando immediatamente e pubblicamente chi per fatti manifesti non é più degno.

  7. ahfesa scrive:

    Oggi i nostri capi (quelli che credono di comandare davvero) hanno iniziato grandi feste, solo per loro ed a nostre spese naturalmente, per autopremiarsi per il coronamento di alcune loro iniziative.
    Prima di tutto l`approvazione della « riforma » del senato che sembra essere la soluzione di tutti i mali e poi, degno contraltare economico, la « vendita » di Alitalia agli arabi.
    E son tutti contenti, si abbracciano si baciano, sono sexy, e stasera chissà che sontuosi simposi, con contorno di ameni cibi e disponibili bellezze, per tutti i gusti ovviamente.

    Io invece non sono contento e penso che i fatti di oggi siano l`inizio della demolizione dei nostri diritti politici e civili e la cristallizzazione perpetua di organismi e persone che ci hanno condotti alla rovina e che con queste belle trovate sperano di salvare emolumenti, patrimonio e staus sociale. Naturalmente sulla pelle di noialtri che oramai non contiamo più niente e saremo spogliati.
    In economia la svendita mediante l`ennesima frode bancarotiera di Alitalia costituisce un altro passo verso il totale assevimento del paese. Ricordo che sono in mani straniere le principali banche (Intesa/Unicredit/Mediobanca) le principali compagnie di assicurazione (Generali ai francesi e Allianz ex RAS ai tedeschi) le ferrovie (Italo non é Italo ma SNCF, Grandi Stazioni é SNCF, il materiale é Alsthom (francesi) o Bombardier (anglo canadese) o Siemens (tedeschi) Alla Breda, al Tecnomasio ed alla Marelli ci stanno gli zingari). I telefoni sono egiziani, cinesi ed inglesi, quelli fissi sono Spagnoli e via discorrendo. Adesso ci stiamo vendendo, per niente ovviamente, anche le acciaierie (che volete scommettere quando saranno in mano agli indiani ed ai cinesi non inquineranno più perchè chi si lamenta o crepa verrà puntualmente tacitato a suon di legnate e sostituito immediatamente con extracomunitari) le autostrade e i gestori/produttori di energia. L`agroalimentare é già francese e la chimica non c`é più. La Fiat é a Detroit e Torino sembra (senza offesa per i torinesi) un incrocio tra una città palestinese e un suk marocchino.
    Però abbiamo Armani, Prada, Missoni che pare ci mantengano tutti.

    Anche per queste evidenti ragioni sono fermamente contrario ai pasticci dialettici astrusi e complicati sulla riscrittura della costituzione.
    A me quella che abbiamo va benissimo. Il problema é che non é aplicata e si vuole modificarla solo per occultare evidenti abusi e leggittimarli.
    Ed attenti a disquisire sul « lavoro » come fosse un opzional o semplicmente una delle tante cose della vita. Difatti io la penso come Molière : On ne vit pas pour travailler : on travaille pour vivre. Mais c`est aussi vrai que si tout le monde ne travaille pas personne ne mange.

  8. lorenzo scrive:

    egregio Avvocato Marco Della Luna nella sua idea di costituzione non ho visto alcun riferimento ai regolamenti attuativi delle leggi ordinarie che spesso e volentieri bloccano ogni tentativo di riforma e di innovazioni legislative come mai?

    • admin scrive:

      A LORENZO: Come immagina tali riferimenti?

      • lorenzo scrive:

        Ho già risposto alla sua domanda.
        Non l’ha pubblicata.
        Gli altri potrebbero pensare che io non sappia che cosa rispondere,ma sono certo che si tratti di un problema tecnico.

  9. ahfesa scrive:

    Cara la mia gente,

    altro che proposte costituzionali. tutte cretinate! (scusate sempre senza offesa)

    Cedere sovranità e lasciare fare le “riforme” ai soliti grandi fratelli che pensano per tutti e vedono tutto. Loro mangiano e pensano e noi lavoriamo e crepiamo di fame. Eh sì, anche perchè un finlandese che nemmeno ha mai visto l`Italia non é emotivamente compromesso e può imparzailmente decidere chi di noi dovrà vivere o morire senza far torto a noi e danni ai capi. Io sarò un gufaccio spelacchiato, ma questa soave dichiarazione mi suona tanto come quella famosa letterina di tre anni fa. Allora arrivò delicata, ma energica ed inflessibile, missiva, perchè bisognava salvare le forme, adesso con il giullare che ci troviamo, basta un bel richiamo verbale, come quello della maestra con gli asini dietro la lavagna, per far capire a tutti chi comanda e chi obbedisce.
    E quindi occhio che per i morti oltre che portare i crisantemi (magari quelli di plastica dell`anno prima) al cimitero, ci ritroviamo un bell`impegato della Morte che veste Vittuon del FMI a farci tutta quella belle serie di regalini di Natale al cui paragone quelli del micidiale Monti ci parranno una nostalgica meraviglia.
    Ma dato che lo sappiamo in anticipo e sappiamo che cosa ci succederà essendo stati già “salvati” una volta, sarebbe bene vedere di agitarci un pochino. Mica per la morale, la gloria o la patria, ma solo per poter vivere noi e la nostre famiglie.

  10. O scrive:

    L’art. 81, lo rivedrei in modo sostanziale nel senso che vieterei alle banche private di operare…
    solamente con il capitale e non a riserva frazionaria…. se no non ha senso.

    Ciao.
    Orazio

  11. GIANCARLO MATTA scrive:

    Eccellente Avvocato, provo a “riscrivere” il Primo Articolo… .
    Perché a mio parere il “Lavoro” non può essere il fondamento di una Repubblica.
    Ne sarà di certo una importantissima componente, ma non c’é solo quello.
    Indicherei un concetto più ampio. Grazie per l’attenzione.
    (Servirà a qualcosa? Mah… !)
    Art. 1
    L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul libero consenso etico dei Cittadini codificato dalle Leggi ispirate a questa Costituzione.
    La sovranità appartiene ai Cittadini, che la esercitano nelle forme e nei limiti della
    Costituzione. Lo Stato rappresenta, tutela e persegue l’interesse della collettività nazionale; i Cittadini italiani e quelli ad essi parificati, a condizione di reciprocità, hanno la priorità sugli altri nel godimento di servizi e benefici pubblici.

    • Katerina scrive:

      Si, sono d’accordo di non fondare la Costituzione sul lavoro.
      Infatti anche io non condividevo questa base
      in quanto non mi sento principalmente una “lavoratrice”:
      mi sento una persona libera, nata per gioire di tutto ciò che la Vita, legata inseparabilmente alle leggi della Natura, ci offre.
      Quindi concordo con Giancarlo Matta.
      Cordialità e ringraziamenti per Marco Della Luna – Katerina

    • Katerina scrive:

      Si, sono d’accordo di non fondare la Costituzione sul lavoro.
      Infatti anche io non condividevo questa base
      in quanto non mi sento principalmente una “lavoratrice”:
      sento una persona libera, nata per gioire di tutto ciò che la Vita, legata inseparabilmente alle leggi della Natura, ci offre.
      Quindi concordo con Giancarlo Matta.
      Cordialità e ringraziamenti per Marco Della Luna – Katerina

  12. Enrico scrive:

    Possiamo fare tante belle proposte per rafforzare la Costituzione tra l’altro mai applicata , ma se non risolviamo il problema di fondo che consiste nel combattere questa banda di delinquenti Nostri Padroni non si va da nessuna parte .Il collega studente del Sig Ahfesa si sacrifico per tutti perché non aveva nulla da perdere o quasi ,quindi aspettiamo i più deboli che facciano la Storia?

  13. ahfesa scrive:

    Ho letto solo l`inizio, ma é chiaro il senso.

    La mia opinione non conta niente.

    Veda, alle medie avevo una prof. di matematica che era paranoica e con evidenti turbe mentali. Oggi non durerebbe un mese sulla cattedra (anche perchè ci puniva oltre che con gli “zero” e le sospensioni anche con il righello di legno). Ma ai miei tempi era il padreterno. Tanto che se si osava raccontare in casa quello che succedeva in classe c`era il fondato rischio di prenderne un`altra dose. Il mio compagno di banco ed io (votazione media 5 divisa per due, esame a settembre a vita e “sufficiente” , voto dei subnormali alla licenza media) abbiamo per anni meditato per aver giustizia, passsando dall`idea dell`esposto (documentato) al capo dello stato all`attentato incendiario. Giovanili masturbazioni mentali che almeno hanno alleviato la nostra pena, ma lasciato imperterrita l`interessata.
    Ma al posto nostro ci pensò anni dopo un altro compagno di sventura, pluribocciato e ripetente, il quale stando già al riformatorio incappò nella sig.na Emilia. E dato che parlare, comporre e chieder giustizia a chiacchiere non era il suo forte, stufo di farsi prendere a righellate sulle orecchie e di sentirsi dare davanti a tutti normalmente dell`”avanzo di galera” un bel giorno la lanciò per strada facendola passare dalla finestra chiusa. Per fortuna l`aula era al piano ammezzato ed il volo fu solo di qualche metro ed I danni contenuti in fratture multiple.
    E se la cavò bene anche il “giustiziere” perchè rotto il muro di paura fummo in molti a raccontare e riconosciuta la provocazione grave la pena aggiuntiva fu lieve.

    Questo mica per tediare con I fatti miei, ma solo per dire che temo che I tempi dei desideri e dei piagnistei stia per finire, restandoci solo da scegliere tra la schiavitù perpetua, anche all`estero, se non si é abbienti o privilegiati, e la giusta rivolta. IL difficile é cominciare, ma poi si scopre che anche I mostri più terrificanti sono tigri di carta, come diceva quell tal signore cinese che se ne intendeva.

  14. Giovanni V. scrive:

    Eh ,eh, eh…direi che può andare!

    Sicuramente meglio di quella oggetto di discussione ora in Parlamento e al Senato.

    Ma non essendoci un PARTITO che metta in atto queste modifiche, temo che tali sue aggiunte rimangano solo sulla Carta o al massimo oggetto di discussione tra noi!

    Direi cruciale è il discorso della SOVRANITA’ MONETARIA da ridare al popolo sovrano e (aggiungo io) somaro, ma per fare questo bisognerebbe sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale ed internazionale su tale argomento, ad esempio riprendendo quanto da Lei scritto nel suo bestseller Euroschiavi.

    Ora, siccome sia i mainstream media che i partiti di governo ed opposizione (dunque anche GRILLO) parlano d’altro, ma per la verità stessa cosa avviene anche all’estero, non avendo essi alcun interesse a modificare lo status quo, penso che l’unico modo per fare smuovere le acque sia quello di usare il WEB (in particolare i social networks) e l’inglese come lingua globale, in modo da creare una rete nazionale ed internazionale con altri movimenti simili all’estero (Indignatos in Spagna, Positive Money in UK, Ron Paul in US etc…) volti appunto a far conoscere la realtà dei fatti a milioni di menti e coscienze dormienti e/o inebetite in Italia e all’estero da chi manovra le leve del potere finanziario e politico dietro le quinte.

    Un piano molto ambizioso ma non impossibile secondo me, visto l’uso sempre più intenso che la gente (specie gli under 40) fa oggi del WEB.

    E se partisse l’onda (o il virus, come dice Casaleggio) poi diventerebbe difficile ignorarla o fermarla, anche per lorsignori: che ne pensa Avvocato? Io potrei aiutare su questo punto!

    Comunque ne potremmo parlare privatamente via email, se vuole.

    Perciò stante le condizione attuali delle cose, io l’Art 1 della Costituzione lo cambierei (provocatoriamente) in questo modo:

    Art. 1
    L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro necessario per ripagare il debito pubblico.

    La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione, lasciando ai banchieri privati il potere di emettere moneta per indebitarlo sine die e sovraccaricarlo di tasse, sul lavoro, sugli acquisti e sul patrimonio, per finanziare gli interessi sul Debito Pubblico pregresso.

    Direi che così sarebbe più coerente con la realtà dei fatti….che dice Avvocato?

  15. Giovanni V. scrive:

    Eh ,eh, eh…direi che può andare!

    Sicuramente meglio di quella oggetto di discussione ora in Parlamento e al Senato.

    Ma non essendoci un PARTITO che metta in atto queste modifiche, temo che tali sue aggiunte rimangano solo sulla Carta o al massimo oggetto di discussione tra noi!

    Direi cruciale è il discorso della SOVRANITA’ MONETARIA da ridare al popolo sovrano e (aggiungo io) somaro, ma per fare questo bisognerebbe sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale ed internazionale su tale argomento, ad esempio riprendendo quanto da Lei scritto nel suo bestseller Euroschiavi.

    Ora, siccome sia i mainstream media che i partiti di governo ed opposizione (dunque anche GRILLO) parlano d’altro, ma per la verità stessa cosa avviene anche all’estero, non avendo essi alcun interesse a modificare lo status quo, penso che l’unico modo per fare smuovere le acque sia quello di usare il WEB (in particolare i social networks) e l’inglese come lingua globale, in modo da creare una rete nazionale ed internazionale con altri movimenti simili all’estero (Indignatos in Spagna, Positive Money in UK, Ron Paul in US etc…) volti appunto a far conoscere la realtà dei fatti a milioni di menti e coscienze dormienti e/o inebetite in Italia e all’estero da chi manovra le leve del potere finanziario e politico dietro le quinte.

    Un piano molto ambizioso ma non impossibile secondo me, visto l’uso sempre più intenso che la gente (specie gli under 40) fa oggi del WEB.

    E se partisse l’onda (o il virus, come dice Casaleggio) poi diventerebbe difficile ignorarla o fermarla, anche per lorsignori: che ne pensa Avvocato? Io potrei aiutare su questo punto!

    Comunque ne potremmo parlare privatamente via email, se vuole.

    Perciò stante le condizione attuali delle cose, io l’Art 1 della Costituzione lo cambierei (provocatoriamente) in questo modo:

    —————————————————————————————
    Art. 1
    L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro necessario per ripagare il debito pubblico.

    La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione, lasciando ai banchieri privati il potere di emettere moneta per indebitarlo sine die e sovraccaricarlo di tasse, sul lavoro, sugli acquisti e sul patrimonio, per finanziare gli interessi sul Debito Pubblico pregresso.
    ————————————————————————————–

    Direi che così sarebbe più coerente con la realtà dei fatti….che dice Avvocato?

I commenti sono chiusi.