DIRITTO AD ESISTERE ?

La campagna antimafia condotta sotto il Ministero Maroni ha innegabilmente fruttato risultati molto estesi. Molto estesi orizzontalmente, con numerosissimi arresti e confische in tutt’Italia, al Sud, al Centro, al Nord. Ma che non sono saliti verticalmente, non hanno individuato ed eliminato la mafia nel parlamento, nei piani alti dei ministeri, nei vertici dei partiti, delle banche, delle fondazioni bancarie. Hanno neutralizzato personaggi sostituibili, e forse già sostituiti. Non hanno infranto gli elementi strutturali che generano la mafia e le danno forza, né ridimensionato il potere politico di questa né il suo giro d’affari, né la sua presa sulla società. Non aspettiamoci, pertanto, che le cose cambino apprezzabilmente. Altro è il più importante risultato di questa campagna: essa, proprio col successo quantitativo che ha avuto e continua ad avere,  con le centinaia di arresti anche nel Nord, con l’individuazione di una ramificata rete mafiosa di potere, affari, imprese, corruzione nelle regioni settentrionali, ha dimostrato che la mafia, dal Sud, si trapianta al Nord e lo sta massicciamente e sempre più, col passare del tempo, infiltrando coi suoi uomini, i suoi capitali e i suoi investimenti, condizionandone non solo l’economia e l’ordine pubblico, ma anche la vita quotidiana, l’amministrazione, l’uso dei pubblici poteri, […]

Altro