I BADOGLIABILI: gioco politico per un’estate diversa

 I BADOGLIABILI: gioco politico per un’estate diversa Berlusconi tenta un canto del cigno, annunciando grandiose riforme, ma oramai è agli sgoccioli: risultato per troppi anni inconcludente sul piano pratico delle riforme e dei risultati, reso impresentabile anche internazionalmente dalle rivelazioni sui bunga-bunga oltre che dalle leggi fatte per suo privato interesse, squalificato da Luttwack (ossia Washington), privo di idee valide per risollevare finanze pubbliche e sistema paese, insidiato da Tremonti nella sua leadership, messo alla corda adesso anche dalla Lega, non ha più spazi né carte da giocare, se non il minacciare che, se cade il suo governo, cade anche il rating del debito pubblico. Oggi le difficoltà di bilancio creano incertezza politica che fa salire gli interessi sui bond italiani, e ciò aumenta le difficoltà di bilancio incrementando l’incertezza politica… una spirale ascendente. Orbene, immaginiamo un probabile scenario autunnale con recessione, disoccupazione, crisi finanziaria, stretta bancaria, tensioni sociali crescenti, Berlusconi che cade per ultradecennale, dimostrata e comprovata incapacità di riformare e rilanciare il sistema-paese (oltre che per scandali e impresentabilità internazionale e sfiducia di Washington), una galassia di opposizioni incapaci di mettersi o restare insieme, divise come sono tra perbenisti e antisistema, tra moderati e antagonisti (No Tav, Vendola, Grillo, Di […]

Altro