BERLUSCONI RICUSI I SENATORI OSTILI EX ARTT. 35-44 C.P.P.

BERLUSCONI RICUSI I SENATORI OSTILI EX ARTT. 35-44 C.P.P. Enuncio qui un ulteriore  metodo difensivo che avrebbe possibilità di salvare il seggio di Berlusconi, quindi anche la sua libertà personale oltreché l’agibilità politica: Berlusconi potrebbe ricusare i senatori che si sono dichiarati già per la sua decadenza o che hanno interesse ad essa. Qualora la ricusazione sia respinta, potrà sostenere l’illegittimità del provvedimento di sua decadenza e contestare l’intero sistema. La ricusazione deve essere presentata prima che il Senato apra il giudizio. Berlusconi dunque ricusi tutti i senatori grillini e pidini e montiani che hanno anticipato il loro voto, ossia che hanno anticipato che voteranno per la sua decadenza. Se la ricusazione non verrà accolta, se quei senatori voteranno egualmente, Berlusconi potrà contestare questa violazione del fair judgement davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, e dichiarare che la sua estromissione dal Senato sia illegittima e dimostri che tutto il sistema viola le garanzie fondamentali. Come esposto nel mio precedente pezzo, “Art. 66 Cost.: autodichia”, il giudizio sull’ineleggibilità o decadenza dei suoi membri che l’art. 66 della Costituzione devolve a ciascuna Camera è un vero e proprio giudizio, un atto giurisdizionale, non politico – un atto che deve applicare il diritto. Ma se, per […]

Altro