QUANDO LE TASSE ARRICCHISCONO I LADRI

QUANDO LE TASSE ARRICCHISCONO I LADRI Con i soldi del contribuente, spesi a spreco, la casta (partitocrazia-burocrazia) si arricchisce e si compera i voti per restare in poltrona, persino mentre il Paese va a catafascio. Essa governa nell’interesse e su direttive del grande capitale e della grande speculazione apolido-globalisti, esonerandoli dal dichiarare i profitti o dalla normale tassazione mediante apposite norme di favore od omettendo l’applicazione della legge. La propaganda della partitocrazia, in materia di lotta all’evasione, nasconde dati di realtà che rovescerebbero la sua raccontazione: a)la lotta ai grandi evasori è impossibile perché i grandi evasori, anzi i grandi imprenditori, si trasferiscono nei paradisi fiscali o si fanno proteggere con leggi apposite proprio dalla partitocrazia; il governo Conte bis chiama “grandi evasori” quelli da 100.000 euro, che in realtà sono piccoli evasori – grandi sono quelli da decine o centinaia di milioni, cioè quelli che sostengono il governo; b)le tasse e l’Inps sono costi per le imprese; molte di esse riescono a stare sul mercato (a produrre PIL e a pagare i dipendenti) proprio perché riescono a evaderli in parte; se costrette a pagare tutto, escono dal mercato e chiudono, a danno del PIL e dell’occupazione; molte si trasferiscono […]

Altro