L’ECONOMIA DEGLI STATI DA LIQUIDARE

L’ECONOMIA DEGLI STATI DA LIQUIDARE Lo Stato sano raccoglie i tributi (prelevando in tutto o in parte il surplus dai cittadini e dalle imprese) e li investe infrastrutture, servizi, forze armate; tali investimenti aumentano la produttività e il prodotto interno, stimolano gli investimenti privati, e di conseguenza aumentano il gettito fiscale e i nuovi investimenti. Questo è il funzionamento virtuoso e progressivamente espansivo dello Stato sano. Ma in tale funzionamento teorico interferiscono fattori umani inevitabili: – le classi dominanti che raccolgono i tributi rubano parte di essi per arricchirsi; – e non si curano molto di investire bene il restante, destinandone parte ad arricchire compari e sostenitori; -a cascata, tutti i dirigenti che eseguono gli investimenti e le spese pubblici tendono a rubarne una parte; -inoltre, i componenti delle classi dirigenti si sottraggono alla tassazione usando la loro posizione di potere, e, accorgendosene anche le classi subalterne cercano di evadere il fisco. Alla fine, la quantità di risorse investita sarà notevolmente inferiore a quella raccolta, cioè tolta alla società civile con le tasse, sicché il circolo virtuoso ed espansivo risulterà molto indebolito o assente o addirittura invertito. Quando le suddette ruberie, evasioni ed elusioni fiscali, congiunte agli scandali di corruzione […]

Altro