ANCORA SUL DECLINO

Condividi:

Il mio articolo La Meta del Declino Italiano (scritto il 19 Marzo, e in seguito aggiornato) ha suscitato commenti in parte basati su malintesi, e che richiedono qualche chiarificazione.

L’articolo si basa fondamentalmente sui dati econometrici, oggettivi, dati di realtà, forniti dal recentissimo saggio di Luca Ricolfi Il Sacco del Nord. Questi dati dimostrano che lo Stato italiano, da 60 anni oramai,  spolia delle loro risorse e dei loro redditi Veneto, Lombardia, e secondariamente Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana e Marche, per trasferire questo bottino in Sicilia, Sardegna, Calabria, Campania, Basilicata, Umbria, Liguria, Val d’Aosta, e Roma. Evidenzia che questo spolio, giustificato dal progetto di perequare le regioni povere alle regioni ricche, non ha prodotto alcuna perequazione, anzi il divario è aumentato. Quindi è un trasferimento che  viene portato avanti con altri fini.

Il mio articolo ha il fine di descrivere il funzionamento del sistema di potere presente in Italia, evidenziandone i presupposti, gli effetti, e formulando previsioni sulle chances che possa essere modificato (dalla politica, dalla giurisdizione), su quanto potrà andare avanti, con quali sviluppi; e su quali eventi possano porre fine ad esso.

In base a queste previsioni, formulo consigli per i lettori – ossia, emigrare (non fare la secessione).

Né il libro di Ricolfi (che sta ritornando su quei temi con nuovi argomenti, mediante articoli e conferenze), né il mio articolo, fanno valutazioni morali o antropologiche  sui meridionali, né affermano che tutto il Nord sia spoliato e tutto il Sud sia parassita (anche se, nel complesso, ciò è vero): Umbria, Liguria, Val d’Aosta, Roma sono “prendenti” e non sono meridionali; la Puglia non è “prendente”, ed è meridionale. Ricolfi, in un suo articolo su La Stampa del 1° Aprile, osserva che la Lega Nord va forte nelle regioni spoliate, che quindi esprime la resistenza alla spoliazione.

Non affermo, anzi nego, che i Meridionali poveri ricevano tutto il bottino del sacco del Nord compiuto dalla casta politica: essa usa il Sud povero come pretesto per spoliare il Nord, ma una buona parte di quelle risorse viene la dirotta all’estero, oppure su grandi società che, oltre ad eludere il fisco, non reinvestono in Italia. Di quello che viene speso al Sud e in Roma, buona parte, forse una metà, finisce in opere pubbliche inutili, in servizi pubblici fasulli, in salari inutili, in pensioni di falsa invalidità, in lauti appannaggi per pubblici amministratori più o meno disutili (€ 400.000 l’anno ad ogni consigliere comunale siculo). Una parte minoritaria va effettivamente a beneficio di persone che ne hanno bisogno. Ma è assistenzialismo, non investimento, non perequazione. Con i circa 300 miliardi di euro ricevuti, non si è creato reddito e produzione, ma rendite e burocrazia. E si rafforzata la classe dirigente delinquenziale . Queste spese-sprechi-assistenzialismi producono consenso, voti, sponsorizzazioni alla politica che le garantisce. Producono anche una mentalità tra il rassegnato e l’opportunista. Una mentalità che non si interessa, anzi neppure sa che cosa sia, l’efficienza, la produttività. Che non sa chiedersi “che utilità reale produce ciò che sto facendo, ciò per cui mi pagano?”. Mentalità tipica anche della burocrate, che sovente non percepisce il costo sociale e l’inutilità o disutilità propria e dell’ufficio in cui lavora. E ci ritroviamo con una burocrazia del 34% superiore a quella tedesca, con un’efficienza assai inferiore. Però questa è la media del pollo, perché la burocrazia lombarda è una frazione di quella siciliana. Ricolfi stima al 5% il tasso di inefficienza della pubblica amministrazione lombarda, contro il 55% di quella sicula.

Non affermo che il Sud, o meglio il Regno delle Due Sicilie, al tempo della sua conquista, fosse un paese arretrato e misero rispetto al Regno di Sardegna. Anzi – come spiego nel mio saggio del 2008, Basta (con questa) Italia – con l’eccezione di alcune sue aree estremamente svantaggiate, era più prospero, più avanzato nelle arti e nelle scienze, e, al contrario di quello, aveva le finanze in ordine. Proprio per questo era allettante, come terra di conquista. Inoltre era riuscito, per secoli, a difendersi dalla potenza Ottomana.

Non affermo che il Sud non abbia a sua volta subito spoliazioni: ne ha subite di brutali, accompagnate da feroci eccidii di civili – come spiego nel suddetto saggio – ad opera di Garibaldi, Bixio, Crispi, durante e dopo la conquista nel 1860; e furono tali spoliazioni a ridurlo come esso è a tutt’oggi. Ma non su mandato e nell’interesse del Nord (Veneto e Mantova saranno annesse solo nel 1866;  Friuli V.G. e Trentino A.A. solo nel 1919), bensì su mandato e nell’interesse di Londra, che sfruttava il dissesto finanziario del Regno sabaudo per mandarlo a conquistare e saccheggiare il resto d’Italia, e insieme voleva costituire sotto le Alpi una media potenza che disturbasse l’Austria-Ungheria, l’espansionista Germania di Bismark, e la Francia imperiale di Napoleone III. Buona parte dei tesori e delle concessioni minerarie del centro e sud Italia finirono oltre manica, in effetti. I Savoia saccheggiarono anche lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana.

Il Trattato di Plombières tra Torino e Parigi stabiliva che le annessioni piemontesi si fermassero a nord del Lazio. La spedizione dei Mille, assistita dalla flotta britannica dell’Amm. Mondy (senza di cui sarebbe stata annientata dalla Marina borbonica), con la successiva annessione del Regno delle Due Sicilie, era contraria ai disegni del Conte di Cavour, il quale era consapevole che i meridionali avevano, nel complesso, un sistema sociale e valoriale, una mentalità, poco compatibili con quelli prevalenti nei popoli del Nord. Quando Camillo Benso morì, nel 1861, lasciò scritti in cui spiegava che, perlomeno, si doveva dotare Nord e Sud di due legislazioni separate. Ma anche questo suo consiglio fu, purtroppo, disatteso, e i Savoia, coi loro burattinai d’oltremanica, accozzarono ciò che ancora oggi non sta insieme: un paese costituzionalmente non funzionale e, oramai, anche non vitale, vista la sua persistente incapacità di reagire al suo ventennale declino.

 

Non affermo che la Mafia sia solo al Sud, ma è notorio che solo al Sud essa è dominante e capillarmente presente nella società, con ampie basi popolari (secondo il Viminale, il 72% dei Meridionali “sente” la presenza della Mafia intorno a sé). Vi è ampia letteratura storiografica che dimostra che la mafia era assai forte nelle istituzioni centrali dello Stato anche nel Ventennio, e che il governo USA deliberatamente rinforzò tale presenza dal 1944 in poi. Forme mafiose di controllo dei poteri pubblici e del mercato si hanno ovviamente anche al Nord, anzi in tutto il mondo o quasi: basti pensare ai cartelli delle materie prime, del cemento, delle sementi, del credito, del petrolio. O ai c.d. comitati d’affari, che altro non sono che cosche mafiose, anche se sovente non usano i metodi materiali caratteristici della mafia. O a quelle regioni tradizionalmente e stabilmente dominate da un certo partito politico, dove bisogna fare la volontà delle direzioni locali di quel partito, se si vuole vincere un posto pubblico o un pubblico appalto, od ottenere una licenza, una concessione, un permesso, e conservarla dopo averla ottenuta.

 

Dopo aver chiarito ciò che non affermo, passo a chiarire ciò che affermo.

 

Affermo che aree geografiche (come il Meridione, la Grecia, il Portogallo) aventi bassa produttività e alta inefficienza  non possono svilupparsi né pareggiare la bilancia dei pagamenti se hanno una valuta forte (come l’Euro), perchè non riescono ad esportare e non attirano turismo e investimenti.

 

Affermo che la stessa circostanza che il paese Italia comprende due aree, di cui una sviluppata, produttiva ed efficiente, e un’altra sottosviluppata, sottoproduttiva e inefficiente, determina – ribadisco: determina – il  tipo di politica, di produzione del consenso e di esercizio del potere, che si pratica in Italia:

-mantenere il Sud nella povertà e nell’inefficienza, nel bisogno,

-onde avere sempre la giustificazione per prelevare moltissimo al Nord

-col pretesto di trasferire e perequare o assistere il Sud;

-intercettare e usare quanto più possibile di quei prelievi per arricchirsi e comperarsi voti e sostegni.

 

Dato che in generale si fa politica come mezzo per acquisire ricchezza e potere, ne consegue che, se vi è un modo di acquisire ricchezza e potere molto più facile e redditizio tra tutti quelli possibili, la politica sceglie e mantiene quel modo sinché rimane qualcosa da raschiare, anche se quel modo è distruttivo a lungo termine. In Italia, sinché perdurerà quella composizione, non è possibile che sia fatta una politica diversa da questa, perché questa è la politica più redditizia e più facile, e i nostri politici sono selezionati, generazione dopo generazione, per fare questa politica e nessun’altra.

La stessa composizione dell’Italia, con la sua area ricca e la sua area povera, crea un’opportunità di profitto che è superiore ad ogni altra possibile formula, quindi determina che sia sfruttata proprio quella opportunità.

Ecco perché si cambiano i colori delle maggioranze e si fanno molte riforme, ma niente cambia nella sostanza, e il paese rimane immobile e sempre più indietro rispetto agli altri.

Finché non venga meno questa opportunità, ossia la compresenza di un’area ricca e di un’area povera entro lo Stato italiano, quel tipo di politica continuerà, non importa quali danni esso produca.

 

Che cosa può far venir meno quest’opportunità? Non la “giustizia”, che può agire su casi singoli, se il sistema è complessivamente sano, e non certo sull’intero sistema. Non la perequazione del Sud al Nord, che è contraria agli interessi oggettivi della politica e che non in 60 anni non è nemmeno iniziata, e che è contraria agli interessi dei politici. Piuttosto, la perequazione del Nord al Sud – perequazione che è in corso attraverso lo spolio del Nord, che lo priva delle risorse anche per gli investimenti e la competitività nelle esportazioni. Forse un federalismo fiscale che ponga fine allo spoglio delle regioni efficienti e che, portando all’aggregazione di macroregioni omogenee, prepari il vero federalismo, che consiste nella libera scelta di ciascun popolo indipendente di federarsi o non federarsi, mediante un trattato (foedus, appunto, in Latino) con un altro popolo. Ossia, alla possibilità per Lombardi, Veneti, Emiliani, Piemontesi, di votare se federarsi o no, e a quali condizioni, con le altre regioni, mettendo in comune alcune funzioni, come la moneta, la difesa, la politica estera, una quota dei redditi, etc. Perché il federalismo, giuridicamente, è esattamente questo, non ciò che oggi si fa credere alla gente.

 

Affermo, inoltre, che, per le suddette ragioni, non solo il Nord, ma anche il Sud, oggi, avrebbe oggettiva convenienza a separarsi.

Il Nord, ovviamente, avrebbe l’immediato sollievo di trattenere circa 80-90 miliardi l’anno e di non essere più governato da Roma e dalla fauna romana, né da partiti collegati con la mafia del Sud, perlomeno per ragioni elettorali. Potrebbe abbattere la pressione fiscale e contributiva e investire in infrastrutture, ricerca, scuola, ambiente.

Il Sud, nel breve termine, perderebbe, è vero, 20-30 miliardi l’anno per effetto della separazione, ma li perderebbe egualmente fra due o tre anni, quando il Nord, per effetto delle spoliazioni, finirà fuori mercato. In compenso, avrebbe una serie di vantaggi immediati o quasi:

         la sua classe politica (mafiosa e paramafiosa) sarebbe automaticamente definanziata, quindi perderebbe potere;

         riceverebbe cospicui fondi strutturali dall’Unione Europea, che dovrebbe mandare suoi commissari a usarli sul territorio;

         uscendo dall’Euro, rilancerebbe le esportazioni e i turismo, nonché la produzione interna;

         non potendo più scaricare sul Nord i costi della propria inefficienza e degli sprechi, sarebbe finalmente costretto a divenire efficiente.

 

La separazione è l’unica riforma che possa rendere efficiente l’Italia ed elevare il Sud. Nessun’altra riforma può riuscire, se prima non si fa questa. Nessuna è mai riuscita. Di nessuna maggioranza politica. Non riuscirà in ciò nemmeno il c.d. federalismo fiscale, perché, ammesso e non concesso che lo lascino andar a regime, non risolve il problema monetario, ossia il fatto che l’Euro è una moneta troppo forte per consentire lo sviluppo economico del Sud e pure del Centro.

La separazione è inoltre l’unica riforma che possa porre fine al sistema di potere partitocratico che si è consolidato in Italia, e che tiene sottosviluppato il Sud per avere il pretesto di depredare il Nord, e che intercetta i trasferimenti per arricchirsi e comperarsi i consensi e i voti. E in tal modo governa e prospera senza aver da curarsi della gestione del paese.

Ma, proprio perché questo sistema è così redditizio e facile da gestirsi, quella riforma non si farà. La classe politica italiana, che non ha le capacità di gestire un sistema diverso, la impedirà. Criminalizzerà il solo parlarne. Già il Presidente ha pronunciato il dogma dell’unità d’Italia. Forse però vi saranno conati di liberazione, al Nord, nel prossimo inverno. Infatti già da oltre un anno, al Nord, è in corso una moria di piccole e medie imprese, e a Maggio le imprese dovranno rinegoziare le loro linee di credito con le banche, e presenteranno i loro brutti conti del 2009 e i loro portafogli d’ordinazioni per il 2010 (-23% circa). E le banche sono esse stesse in difficoltà di bilancio. Quindi è da aspettarsi una marea di licenziamenti, chiusure, fallimenti per l’autunno prossimo. Il Nord allora sentirà in modo stringente che, unito al Sud e a Roma, è spacciato. A quel punto, è possibile un forte movimento di protesta e ribellione a quella che lo stesso Luca Ricolfi chiama “ingiustizia territoriale”. Ma non credo che si potrà arrivare all’indipendenza: troppo forte, soprattutto militarmente, è lo Stato romano. Troppo coesa, nel suo interesse distruttivo e nella sua incompetenza, è la casta politica romana.  Da qui il mio consiglio: emigrare. L’Italia non ha futuro. E’ un cadavere che cammina, senza prospettive.

 

Qualcuno mi ha criticato ricordandomi che io stesso ho più volte scritto che il problema di fondo, comune all’Italia e a quasi tutti gli altri paesi, e non superabile mediante la separazione, è quello monetario, del signoraggio bancario, del debito infinito, del crescente costo del debito sul reddito, di cui parlo in Euroschiavi, in Polli da Spennare e ne La Moneta Copernicana. Confermo che tale problema non sarebbe superato dalla separazione tra Nord e (Centro-)Sud. E’ ovvio. Ma questo problema non verrà mai nemmeno affrontato, perché il potere monetario è uno strumento di dominio sociale irrinunciabile per chi lo detiene, se non anche per la soluzione forzata del problema ecologico; però, entro i limiti economici che vengono e continueranno a venire posti dal potere monetario, ci sarà sempre molta differenza tra un sistema di vita europeo, con un tasso di inefficienza del 5%, e uno africano, con un tasso di inefficienza al 55%. E solo la separazione può assicurare al Nord, e consentire al Sud, di vivere in Europa anziché in Africa nei decenni a venire.

06.04.10

Marco Della Luna

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in MONETICA ED ECONOMIA POLITICA. Contrassegna il permalink.

5 risposte a ANCORA SUL DECLINO

  1. rinus scrive:

    caro avvocato Marco,come previsto la Corte federale tedesca ha deciso che si,Si possono aiutare i paesi conciati male.Per questa volta chi ha preso la decisione, ha ragionato con lungimiranza,dato che una crisi europea si sarebbe rivolta contro la Germania .Con un marco tedesco che valesse 30% in più dell’euro italo-greco-spagnolo- la Germania perderebbe un po di mercati ,ed addio la vendita facile di Mercedes-BMW-Audi.SUV ECC…
    lo stesso succederebbe in Italia,amalgamare una macro regione con una base industriale sviluppata e ricca potrebbe in breve tempo volgersi contro.
    SE il Nord si separa avrà anche una moneta più forte,ma il Sud con mafia zero e nuovi politicionesti,avrebbe tutto da guadagnare con una moneta debole ,trovando mercati nei paesi del Nord-Africa,senza dimenticare che Basilicata e Sicilia sono autonomi nella produzione di grezzo,che attualmente sfrutta l’azienda di Stato.Inoltre sarebbe una pacchia per gli industriali italici venire a lavorare al sud,tanto a loro interessa produrre a basso costo,non ci sarebbe più bisogno di andare in Tunisia a produrre scarpe ne in Turchia per produrre pneumatici.Va meglio cosi?

  2. rinus scrive:

    caro avvocato,la mia previsione che i la Corte tedesca avrebbe bocciato la richiesta di annullare i finanziamenti ai paesi come l’Italia si avverata. Sarebbe stato un disastro: ma per l’economia tedesca,avere di nuovo un DM,o un Euro forte, mentre i paesi del Mediterraneo ritornavano alle loro leggere monete nazionali.A chi avrebbero venduto le loro BMW-AUDI.?Lo stesso credo che succederebbe in una Italia divisa per regioni omogenee. Pensi alla Sicilia con le sue coste potrebbe creare ,con la giuste persone( perchè gli Schifani e gli Alfano rimarranno si spera a Romaa) tante fabbriche con prezzi competitivi.Inoltre gli industriali speculatori si butterebbero a capofitto a costruire pneumatici senza bisogno di andare in Cina o Turchia.Ma il Nord oder settentrione cosa farà?

  3. romanodoc scrive:

    1)curioso di sapere(riguarda l’articolo precedente) in che consiste “l’enorme spesa improduttiva” di Roma (ladrona). Con esempi concreti pero'(i giornalisti del “nord” nella quotidiana caccia affannosa di mostruosi di sprechi romani sono riusciti a trovare cio’ che rischia di causare il default italiano:30 autisti del Quirinale…).
    2) Siamo passati dalla finanza creativa di Tremonti alla statistica creativa di Ricolfi. Ma le statistiche oggettive (quelle di istat ad esempio) non disegnano affatto le fantomatiche cartine dell’inesistente padania della lega nord…una regione che da servizi inefficenti è una regione che “ruba”? Da un punto di vista morale forse si! Da un punto di vista statistico no.
    3) La spedizione dei mille fu sostenuta da Cavour…senza il quale Garibaldi non sarebbe neanche riuscito ad imbarcarsi a Quarto.
    Francamente se le premesse di chi vuole distruggere l’Italia, magari stando comodamente seduti al governo di Roma ladrona per bloccare qualsiasi riforma strutturale(pensioni), è quella di raccontare falsità storiche, possiamo farci un’idea della serità di tutte le altre argomentazioni

  4. Riccardo scrive:

    Questo articolo dovrebbe essere oggetto di studio a memoria degli iscritti alla Lega Nord, dovrebbe essere al centro di studi e approfondimenti.
    Il fatto che non lo sia è per me fonte di grande perplessità e rappresenta un mistero profondo.
    Il saggio di Ricolfi, che ogni tanto mi rileggo quando ascolto troppi telegiornali, dovrecìbbe stare sulle scrivanie di tutte le persone dotate di buon senso e anche di quelle che ne sono sprovviste ma si riempiono la bocca di concetti alti come solidarietà territoriale e federalismo solidale.
    Io sento solo Matteo Salvini citarlo di tanto in tanto.
    Non mi pare che gli esponenti della Lega credano molto nella forza dei numeri e sulle ragioni che la loro analisi può generare.

  5. Pingback: FRUIMEX SAS TORINO - ITALY P.IVA 05637940015 tel.+0173285530 fax+0173284955 mail:info@fruimex.it

Lascia un commento