MPS: SEGNALI DI PROSSIMA SOLUZIONE

SEGNALI DI PROSSIMA SOLUZIONE Nella scorsa settimana, a quanto si dice, i vertici di MPS hanno diramato due direttive alle filiali operative: 1)ridurre il tasso di favore accordato, per attirarli, (ai nuovi clienti che depositano somme rilevanti) ai clienti che vincolano a tempo i loro depositi presso la banca;prima di promettere ai clienti condizioni premiali, verificare sempre se c siano ancora; 2)evitare per quanto possibile di classificare i crediti deteriorati come in sofferenza (incaglio o contenzioso) – classificazione che impegna liquidità distogliendola da impieghi remunerativi per la banca; cioè, andarci piano prima di ufficializzare contabilmente l’insolvenza dei clienti. La prima mossa, se riscontrata, può meravigliare, perché oggi, secondo il buon senso, più che mai MPS avrebbe bisogno di offrire tassi elevati per  recuperare almeno parte dei depositi recentemente fuggiti (ritirati da depositanti che temono il possibile default), dato che le indagini penali sui precedenti vertici di MPS procedono minacciosamente e che l’ultimo bilancio, presentato il 28 u.s., evidenzia perdite altissime soprattutto dovute a deterioramento dei crediti (in realtà, sono crediti già deteriorati o nati male, che prima non erano dichiarati tali a bilancio, e ora si fanno gradualmente affiorare, via via che la liquidità disponibile per i conseguenti accantonamenti lo consente). La seconda […]

Altro