SIRIA, SALVA SILVIO!

Condividi:

SIRIA, SALVA SILVIO!

 

Stasera vedo i sottotitoli in tv preannunciare l’attacco alla Siria tra 10 giorni.

Allora penso a un’ipotesi da discutere e verificare: non sarà che Silvio, i suoi, gli altri, persino il Colle, stiano guadagnando tempo con interminabili diatribe sulla sentenza, sul giudice Esposito, sull’Imu, sull’Iva… contando che a brevissimo scoppi la guerra e li tolga tutti d’imbarazzo, imponendo “benaltre” priorità.  emergenze materiali e bruttissime, magari l’estensione del conflitto all’Iran, al Golfo Persico, la benzina a 3 euro, il razionamento… il voto sulla decadenza di Silvio sospeso (era fissato per il 9.9)… e intanto tutti restano sulle loro poltrone, e con le mani nel denaro pubblico…?

… e poi, finalmente, dopo qualche mese, con la pace che ritorna, avranno un santo pretesto per la sospirata… AMNISTIA?

E, per soprammercato, una buona ragione per comperare quei meravigliosi F35?

26.08.13

Marco Della Luna

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI. Contrassegna il permalink.

10 risposte a SIRIA, SALVA SILVIO!

  1. Ursula Gould scrive:

    Solito gioco delle tre carte!!! Banco vince, banco perde. Quello dei politici del menga vince sempre e, chissà perchè, è sempre pieno di soldi e soddisfazioni. Quello di Pantalone è sempre magrissimo di soldi e soddisfazione ma, in compenso, pieno di tasse, balzelli vari e burocrazia a non finire.

  2. Rose W. Molina scrive:

    Si sostiene che la moneta, cosi come noi la concepiamo, nasce solo dal 800 a.c. circa e che nasce nel “Regno di Lidia”; una regione tra il Mondo Greco e l’Impero Persiano e che poi si diffonde in tutto il mondo greco mediterraneo. L’uomo fino a questo punto non ha bisogno di soldi per vivere infatti, nonostante i Cartaginesi fossero i mercanti più attivi del mediterraneo, iniziarono ad usarla solo nel IV secolo a.c. e non per scopi commerciali, bensi per usi militari. Le ultime fasi della storia dell’uomo sono occupate dall’Età medievale (476 d.C. – 1492 d.C.), dall’Età moderna (1492 d.C. – 1789 d.C.) e l’Età contemporanea (1789 d.C. – Tempo presente) ma solo nell’ultimo secolo la moneta ha avuto un utilizzo diffuso soprattutto nelle regioni industrializzate. Solo nell’ultimo decennio, per l’importanza smisurata che si dà a questo oggetto, si può assistere a fenomeni sociali senza precedenti. In Argentina, quello che veniva chiamato “il Granaio del Mondo”, il 5° paese mondiale esportatore di carne, per assenza di soldi nel 2002 tre bambini muoiono ogni giorno per fame o per malattie legate alla malnutrizione.

  3. ahfesa scrive:

    Calma sig. Enrico. Mi consenta due precisazioni.
    Uno dei grandi maestri della finanza creativa italiana, il compianto dr. Calvi, diceva – con ragione – che i grandi numeri si ottengono con le moltiplicazioni e non con l`addizione. Per questo almeno in principio cercava di fregare i tanti piccoli risparmiatori compiacendo i pochi facoltosi. Ma poi per impellenti esigenze di cassa ha messo le mani in tasca anche a questi ultimi e si é ritrovato sotto quel tal ponte con qualcuno che nelle sue tasche ha invece messo dei mattoni.
    Nel merito ne deriva che se i senza potere potessero organizzarsi anche riconoscendo tra di loro dei seri leaders si potrebbe con molte piccole contribuzioni individuali ed ovviamente una gestione onesta, trovare quei tanti soldi necessari alla creazione di un movimento veramente alternativo agli attuali operatori dello sfascio nazionale. Ci vuol tempo, ci vuol pazienza e ci vuole pure molta modestia e discrezione ma ci si può arrivare. Difatti io stesso nel mio piccolo esterno il mio pensiero proprio sperando di trovare altri con cui costruire una via d`uscita.
    Secondariamente mica é detto che “i soldi stiano solo dalla parte dei soliti noti”. Come dissi altrove io non credo che vi sia un`organizzazione monocratica ed universale che voglia dirigere i destini di tutti gli uomini verso certi oscuri fini. Al contrario io penso che vi siano varie consorterie, certamente rapaci e prepotenti, che perseguano un loro scopo, ma in concorrenza tra di loro. Ed appunto come pare oggi, accade che la prevalenza di alcune danneggia non solo noi che non contiamo nulla, ma anche molti altri potentati, al momento con meno mezzi e voce in capitolo. E questo, come la storia insegna, apre molte strade a chi vuol davvero cambiare.

  4. Enrico scrive:

    Ad ahfesa: Come al solito restiamo sempre nel campo delle lamentele. Per fare la Rivoluzione occorrono soldi dice ma quelli sono sempre dalla parte di chi non ha interesse a cambiare le cose e quindi?Forse che quelli che si sono ribellati in passato pensavano ai soldi? Si può’ dire che siano stati manipolati ma almeno ci hanno provato.

  5. ahfesa scrive:

    Dopo essere stato ringalluzzito ed ammaliato dal TG 3, oggi rappresentato dalla direttrice in persona, donna di popolo, venuta da dura gavetta, aliena a raccomandazioni partitiche e di cui tutti conoscono la storica imparzialità politica ed il grande senso della verità, mi corre l`obbligo di fare una doverosa rettifica sul movimento del sig. Grillo.

    Ebbene concordo perfettamente con il monito diretto al popolo bue gaudente esternato da alcuni ruspanti e genuini eletti del movimento.
    Ovvero i bersaniani arrabbiati, i renziani allupati, i compagni allineati, gli inquilini che già si accapigliano con i proprietari perchè si credono fregati ed i proprietari che già si credono sgravati dal montiano giogo, persino gli esodati riammessi alla terra promessa, stiano molto attenti a gioire e a destinare alla mortadella ed al caciocavallo quanto risparmiato dall`elemosina (per altro fatta coi nostri soldi) graziosamente ammannita dal dr. Letta/Lecca.
    Difatti l`oscura “service tax” e sicuramente altro ci attende. E già il nome marca male perchè é segno che persino la cosmica toponomastica gabellare italica si é esaurita dovendo ricorrere ai neologismi stranieri. Nessuno di noi sa come sarà fatta, ma i nostri capi sì e quelli veri di Berlino prima ancora. State certi che vi é perfetta malafede che nasconde un`ulteriore punizione per i soliti onesti. Pugno di ferro governativo in guanto chiodato dei comuni che mica ci vogliono rimettere prebende e regalie per i soliti amici.
    E ciò per la lapalissiana ragione che se un governo onesto (o un sindaco umano) vuole togliere veramente un`imposta per ridurre il carico ai contribuenti, semplicemente la abolisce o ne riduce le aliquote o la base imponibile, senza ricorrere a giochi di prestigio dove si illude di dar con una mano per fregar di più con l`altra.
    Ma questo lo sappiamo tutti eppure stiamo zitti e ben appecoronati.

  6. ahfesa scrive:

    Confezione famiglia. Commento anche il soggetto precedente.
    Berlusconi: in sintesi la penso esattamente come lei avvocato e credo di aver già proposto in passato argomenti simili ai suoi in merito al futuro di B. Difatti l`unico modo per restare il primo attore sul palcoscenico é per lui cavalcare la fronda contro gli euorpredoni ed i governati eterodiretti. Ma ahimé oltre che politico ha beni al sole e credo che il Bilderberg e le altre degne consorterie avrebbero modo nel frattempo di far vedere i sorci verdi a B. imprenditore ed ai suoi amici. Difatti ho già detto che le guerre non si fanno cogli eroi, i plotoni di esecuzione alla Cadorna/Monti e la carne da cannone (finanziario almeno per ora) ma con i quattrini. E se questi vengono meno é la fine. Quindi salvo esplosioni di orgoglio (o demenza) senili credo che B. stia negoziando una non dignitosa – né per lui ed ancor meno per l`Italia – ma ben farcita uscita di scena che salvi appunto il patrimonio famigliare (evitando la fine dei Ligresti) e gli consenta di operare – come imprenditore ovviamente – nel successivo contesto internazionale. ovvero senza fare la fine degli svizzeri. In cambio vi sarà il suo assoluto silenzio su tutte le magagne dei vari capi esteri e nostrani di cui é certamente a provata conoscenza. Ed ovviamente noi senza potere pagheremo per B. e per i nuovi capi che (sorpresa) son appunto sempre nuovi, nuovissimi, con nomi e slogan sempre differenti, MA han sempre le stesse facce di c….
    La Siria: é un discorso che mi farebbe ridere se non fosse tragico sia per il contribuente che per il prospettivo soldato. Noi non contiamo piû nulla per la gestione degli affari nostri, figurarsi se possiamo metter becco davvero in quelli altrui. Specie del sig. Obama che ha molti pesi e misure per valutare la probità e la non probità. Noi faremo esattamente quello che ci verrà comandato ed in più batteremo le mani, pagheremo, i soliti poveracci magari ci creperanno pure per un compenso irrisorio e per soprammercato anche accoglieremo i prpfughi a nostre cura e spese. Nostre di noi senza potere ovviamente.
    Infine il Grillo, anche lì é da ridere: é genovese ed ha capito benissimo la regola delle palanche. Per questo sta imparando molto in fretta dai legisti: spararle sempre più grosse, ma star ben attento a non scontrarsi con chi ha davvero il bastone in mano e lo sa usare con pugno duro.

  7. Giovanni scrive:

    Comunque, caro Dr Della Luna, c’è poco da scherzare…

    Sembra una ennesima guerra preparata a tavolino… che dice?

    http://personalliberty.com/2013/08/29/is-obama-trying-to-purposely-start-world-war-iii

  8. Giovanni scrive:

    LOL…come battuta non è male Dr Della Luna….potrebbe essere vero quello che Lei dice se solo fossimo un paese con una certa importanza a livello internazionale…ma non mi sembra che questo sia il caso, che ne pensa?
    Semmai c’è da chiedersi come mai OBAMA l’anno scorso disse chiaramente che gli USA sarebbero intervenuti militarmente in Siria solo in caso di attacco chimico alla popolazione inerme e, nonostante queste parole, il Regime di Assad ha o meglio avrebbe effettivamente usato tali armi pochi giorni fa, ovvero un anno dopo le parole di Obama?
    Non è un pò strano? Va bene che i dittatori sono matti ma sfidare in questo modo l’esercito americano con una simile arma (tra l’altro inutile, visto che a differenza dei ribelli l’esercito di Assad può usare l’aviazione) non mi sembra sinceramente una mossa molto astuta…che dice?

  9. michele scrive:

    Penso sia molto improbabile che parta la guerra in Sirya!! Basterebbero due navi da guerra russe in mezzo al mare nei dintorni del medio oriente ,in piu’ la guerriglia applicata dai libanesi e piu’ che sufficiente a non far vincere i mercenari!! Posson si bombardare qualche tv o qualche antenna radio; ma per il resto sarebbe solo per far abbassare la popolarita’ del keniano pr degli us !!! Che tra l’altro ormai non deve piu’ nulla al suo popolo visto che ormai e’ all’ultimo mandato !!!

Lascia un commento Annulla risposta