RIFORMA ELETTORALE

Condividi:

Questa è la mia proposta di riforma elettorale, da farsi con legge costituzionale:

ARTICOLO UNICO

Sono interdetti a vita dai pubblici uffici e sono esclusi a vita da ogni carica elettiva tutti coloro che rivestono o hanno rivestito  i seguenti ruoli, in Italia o all’estero: dirigente di partito politico o sindacato di lavoratori o datoriale; ministro o sottosegretario; parlamentare nazionale o di regione autonoma; consigliere regionale o di provincia autonoma.

 

Condividi:

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI. Contrassegna il permalink.

6 risposte a RIFORMA ELETTORALE

  1. serveuntavolo scrive:

    Oggettivamente, data la corruzione dell’attuale classe politica, a mali estremi estremi rimedi.

    E comunque si tratta di una proposta palesemente provocatoria, per quanto sagace.

  2. Elio Paoloni scrive:

    Sapendo leggere davvero si comprenderebbe che tra ‘sarebbe’ ed ‘eleggibile’ è implicito uno ‘stato’. “Sarebbe stato eleggibile”, così come una caterva di indistinguibili cloni degli attuali ministri sarebbe (in futuro) eleggibile dopo questa grandiosa riforma elettorale. Ma forse pretendo troppo nell’immaginare che un leguleio possa accogliere il senso generale di un intervento invece di esibirsi in insulti e inutili precisazioni.
    A mai più risentirci.

  3. ilBuonPeppe scrive:

    Se questa è la “riforma elettorale”, vuol dire che tutto il resto rimane uguale, per cui, porcata è e porcata rimane. Li cambi tutti, d’accordo, ma non risolvi nessuno dei problemi della legge elettorale.
    Senza considerare che questa norma risulta, secondo me, eccessivamente ed inutilmente punitiva.

  4. Elio Paoloni scrive:

    Buon preambolo inizio ma se resta articolo unico è ridicolo: Mario Monti sarebbe eleggibilissimo e con lui la scimmia Fornero e via elencando. Questa gente ce l\’hanno mandata, così come mandati sono tutti i \"ggiovani\" indicati dalle cupole dei partiti e dei potentati.

    • admin scrive:

      A PAOLONI: ridicolo è giudicare senza aver la capacità di leggere: Monti e la Fornero sarebbero ineleggibili (e non nominabili come ministri) perché ambedue attualmente ministri, e – in quanto al solo Monti – perché parlamentare in carica. Continuerebbe a fare il senatore a vita, ma non potrebbe nemmeno insegnare in una pubblica università.

  5. Elio Paoloni scrive:

    Buon preambolo inizio ma se resta articolo unico è ridicolo: Mario Monti sarebbe eleggibilissimo e con lui la scimmia Fornero e via elencando. Questa gente ce l’hanno mandata, così come mandati sono tutti i “ggiovani” indicati dalle cupole dei partiti e dei potentati.

Lascia un commento