INDIPENDENTISMO VENETO E VERA VIOLENZA ARMATA

INDIPENDENTISMO VENETO E VERA VIOLENZA ARMATA

Premetto:  ogni unione tra aree geografiche con diversi livelli di produttività (di costo per unità di prodotto) funziona male e tende a degenerare perché (esclusi gli USA, che scaricano i costi sul resto del mondo attraverso il dollaro), per tenere insieme le sue parti tendenzialmente divergenti, deve trasferire reddito dalle aree più produttive a quelle meno produttive, col risultato di:

-supertassare le prime, togliendo fondi per investimento e innovazione, nonché inducendo capitali, imprese e cervelli ad emigrare, sicché queste aree nel tempo si impoveriscono e non riescono più a sussidiare le aree meno produttive;

-incentivare e stabilizzare, anziché correggere, le caratteristiche disfunzionali delle aree meno produttive (sprechi, mafie, corruzione, parassitismo) e favorire la trasmissione di queste caratteristiche alle aree più produttive attraverso l’emigrazione interna (in Italia, soprattutto attraverso il pubblico impiego).

Si ha, insomma, un livellamento al basso, un degrado civile, un impoverimento globale che porta all’instabilità quando lo stato centrale non è più in grado di “comprare” il consenso o perlomeno la quiete mediante l’assistenzialismo, e si mette a consumare con le tasse e con le privatizzazioni il risparmio e le risorse. Procede ad esaurimento delle riserve.

Aree di diversa produttività (e mentalità) abbisognano di bilanci, monete e politiche economiche separate. Questa è la ragione oggettiva per la quale l’Italia (come assemblato di aree eterogenee) e l’Eurozona funzionano male. Funzionando male, per sopravvivere arrivano alla violenza.

La violenza distruttiva di regole finanziarie economicamente assurde e controproducenti, da parte dell’Eurozona, con la quali la Germania si difende dal pericolo della solidarietà coi paesi mediterranei.

E la violenza famelica, cieca e distruttiva della casta italiana, che, per procurarsi i soldi necessari a mantenere i suoi redditi e privilegi, in un paese che affonda, da un lato si asservisce agli interessi tedeschi, e dall’altro lato spreme ciecamente il Nord e soprattutto il Veneto (40 miliardi l’anno) mentre chiude uno o due occhi sugli sprechi e sull’evasione fiscale e contributiva delle regioni più sussidiate, incurante delle imprese che muoiono, degli imprenditori che si suicidano, dei flussi migratori di aziende, imprese e lavoratori.

Questa è violenza reale di ogni giorno, che distrugge e uccide, che annienta il futuro, perpetrata attraverso il fisco e il braccio armato dello Stato contro i lavoratori e interi popoli produttivi da parte di gente spinta da una bramosia di denaro simile a quella degli eroinomani disposti ad ammazzare i genitori per trovare i soldi della dose quotidiana. Violenza organizzata, armata, legale, ingiusta. Violenza al potere. Violenza che col parlamento si fa le leggi per blindarsi ed assolversi. Ad oltranza.

l’Italia è preda di 10 milioni di voti, mafiosi o clientelar-parassitari. Con questa base di partenza non si potrà mai cambiare veramente. Le mafie, inoltre, si rinforzano con l’immigrazione incontrollata. L’immigrazione provoca, inoltre, una concorrenza sleale tra lavoratori nostrani e no: chi non lavora cerca assistenzialismo. Il cancro aumenta vertiginosamente le sue metastasi: poi il malato (Italia) muore generando un mostro incontrollabile che si dirigerà spavaldamente verso una più evidente forma di tirannia.

Anni fa conobbi qualcuno degli indipendentisti veneti arrestati ieri. Non so quanto fondate siano le accuse, e mi pare machi il presupposto degli arresti, non essendovi l’intento di terrorismo né di eversione dell’ordine democratico, che sappiamo inesistente in Italia. Ma erano persone del tutto incapaci di violenza organizzata e metodica. Spirito marziale zero.  Dissi loro che non è pensabile conquistare l’indipendenza con la forza, mancando la mentalità, il temperamento, la volontà di combattere realmente, indispensabili per l’auto-liberazione sul modello irlandese.

In Italia, le uniche organizzazioni capaci di condurre una vasta e metodica azione militare sono le mafie, ma non tutte. Gli indipendentisti irlandesi conquistarono sì la libertà nel 1922 dopo ottocento anni di occupazione britannica, ma lo fecero con metodi che i veneti e i padani non sono assolutamente in grado di replicare né di digerire moralmente. Ottenere la libertà attraverso i mezzi politici e giudiziari dell’ordinamento italiano, cioè con i c.d. mezzi pacifici, è pure impossibile, perché il potere costituito non molla la gallina dalle uova d’oro, la trattiene con qualsiasi mezzo, a torto o a ragione. Aspettare poi che siano gli stranieri a liberarci, è semplicemente assurdo.

L’unica via d’uscita da questo sistema che continua a degenerare e opprime e immiserisce sempre di più per tirare avanti, facendosi aiutare anche dall’esterno, e assumendo tratti vieppiù autoritari, è la secessione pacifica: andarsene, trasferirsi con beni e risparmi in qualche paese migliore, lasciando gli italiani ad arrangiarsi. Trasferirsi in gruppo, in modo organizzato, e dopo aver concordato con le autorità dei paesi di destinazione condizioni favorevoli per una nuova vita.

03.04.14 Marco Della Luna

Informazioni su admin

Avvocato, autore, scrittore
Questa voce è stata pubblicata in GENERALI e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a INDIPENDENTISMO VENETO E VERA VIOLENZA ARMATA

  1. entelechion scrive:

    Di viscere, sto con i veneti, pur non essendo veneto, ma lombardo (Milano ahimè fu sempre ben lungi dall’essere la nostra Barcellona intra moenia). – Se in contemporanea con la battaglia nazionale anti-euro si coniugasse una lotta regionale indipendentista, credo che il mixing diventerebbe esplosivo. Ma non m’illudo. Estremo dei miei desiderata: che anche i veneti, in una con TUTTA la gente del Nord Italia, la facessero una buona volta finita con il patronato della chiesa cattolica, che ci rincoglionisce dal concilio di Trento. Non mi stupisce che gli italiani tutti ( da nord a sud) non meditino su Machiavelli e che abbiano inoculato Gioberti, pur non leggendo né l’uno né l’altro. – Ci troviamo ancora, politicamente, in uno stato unitario di modello democristiano: ossia con doppioni replicanti la DC come camera di compensazione fra mafie del sud e parrocchie del nord: risultato “concreto” e imperituro della nostra “unità”! – Son dunque coscientissimo che i miei desiderata sono vaneggianti utopie. Ha ragione l’Avvocato: emigrare ! Per i pensionati milleuristi, che non han più nulla di produttivo da offrire, meglio qualche isoletta equatoriale dove la vita costa quasi nulla, se ce la faranno a resistere a un po’ d’inconvenienti, tra i quali la richiesta ossessiva del bakshish .

  2. Ugo Lorenzi scrive:

    Buogiorno a tutti e grazie,
    trovare imprese ineressate per organizzare emigrazione vuol dire avere qualche preparazione utile per l’azienda ma molte di quelle che vanno via non lo fannp anche per procurarsi altrove dipendenti meno costosi?
    Associazioni… Chissà.
    Chi volesse mettersi in proprio dovrebbe allora continuare a fare da se?
    oppure ho interpretato male io?
    Grazie
    ugo lorenzi

  3. faniarte scrive:

    Citazione,di cui sopra….
    Ottenere la libertà attraverso i mezzi politici e giudiziari dell’ordinamento italiano, cioè con i c.d. mezzi pacifici, è pure impossibile, perché il potere costituito non molla la gallina dalle uova d’oro, la trattiene con qualsiasi mezzo, a torto o a ragione.
    Quali mezzi secondo lei lo stato(EU) a questo punto, sarebbe pronto a mettere in campo pur di evitare la secessione(fiscale) del Veneto….
    seguo le vicende dei veneti,con ammirazione e apprensione…leggevo oggi … GLI INDIPENDENTISTI VENETI CHIAMANO A RACCOLTA GLI IMPRENDITORI PER IL BOICOTTAGGIO FISCALE
    grazie per la risposta
    saluti cordiali

    • admin scrive:

      A FANIARTE: Arresti e sequestri anche arbitrari a scopo di isolare gli indipendentisti terrorizzare la gente, operazioni false flag, interruzione di servizi, verifiche fiscali e INPS a TAPPETO, oscuramento-censura-pilotaggio dell’informazione, diffamazione anche mediante calunniatori prezzolati….

  4. Shardan scrive:

    @Shardan (1°post)

    Perdoni, ma il suo dire contiene errori dirimenti.
    CITAZIONE AHFESA

    …..Io caro Ahfaesa …invece le dico….che se le sue considerazioni sul mio secondo post (quella sulla dualità monetaria nord /sud )…sono sulla falsariga del primo in risposta all’Unità d’Italia….c’è da strapparsi i capelli .

    Non ne ha azzeccata una manco di striscio al netto della sua molto infelice affermazione ..cioè questa :——>>>>> “….Si documenti e poi sarò lieto di riparlarne, magari con altre e più evidenti conclusioni che prescindano da considerazioni razziali e geografiche, sovente usate, sia a nord che a sud, come comodi pretesti per far passare conclusioni palesemente false……” ;-))

    si documenti lei piuttosto……..(ma lo faccia però !!!!!!)

    ciao

  5. Shardan scrive:

    Ahfesa…

    Lei invece CONFERMA la sostanza di fondo dei miei post…scritti come ho ben specificato..ad ..non saprei come dire…”istinto” ..come si fa nelle chat insomma…senza controllare ne date ne entrare nei particolari storici (infatti alla fine lo ho pure precisato…)

    Detto e premesso che confermo cio che ho detto..anche se molto ma molto in sintesi ..sull’annessione del Sud da parte del Nord…..(e non mi dica il contrario…..da …su….un po di decenza…abbia pazienza )

    Se avrò tempo…cercherò di esser più chiaro su ciò che volevo dire …(senza entrare nei particolari storici…perché non ho nessuna voglia di frugare letture di anni fa…tantomeno le “favolette ” dei libri di storia scolastici…che son delle balle stratosferiche…Garibaldi era un volgare criminale passato per eroe…)

    Che i garibaldini fossero tutti del Nord..non ci sono ombra di dubbi…(Brianzoli, bergamaschi…o di Pavia o altro…sempre del nord erano…)…che mille garibaldini non possono conquistare mezza Italia è verissimo….come è vero che nel periodo del fascismo…quelli sghangherati della marcia su Roma…potevano benissimo essere annientati…evidentemente c’era una volontà politica di chi era al potere ..di “lasciarli fare”…(è una similitudine…non c’entra nulla con il discorso ). Dietro l’Unità d’ Italia..c’era la Massoneria nazionale e internazionale ..e lor signori Massoncelli…le cose le sanno far bene….è chiaro..che certe forze di potere…del meridione lasciavan fare perché quando massoneria commanda…….
    Cio non toglie nulla a ciò che ho detto in estrema sintesi nei precedenti post: L’italia è stata unita per imput massonico e per volere e progetto di un èlite del nord italia. Il sud non ha sottomesso nessuno tantomeno il nordo…una volta unita l’Italia…quel potere del nord…esercitò nelle regioni del sud una notevole violenza eccetto che nella Sardegna ..eravamo già sottomessi da decine e decine di anni prima dell’ Unità di Italia …poco importano le date precise …(piaccia o non piaccia….)…per cui storicamente , fondamentalmente il sud non ha nessuna responsabilità storica . O non mi vorrà dire che la Sardegna depredava il Piemonte e “campava “ con le risorse generosamente estorte al Piemonte ??? A noi pastoracci…il lontano “continente “ (Piemonte o altro ) NON CI PASSAVA MANCO PER L’ANTICAMERA DEL CERVELLO.

    Dimenticavo: non fraintenda…io sono praticamente quasi d’accordo e solidale con i Veneti…per il semplice fatto che nella contingenza attuale hanno fondamentalmente ragione…(alla fine ho parlato di due monete e due fiscalità..e la fine dei trasferimenti ….che poi sostanzialmente è cio che chiede il Nord )
    Può sembrare…ma i miei due post…non sono la tipica contrapposizione Nord-Sud…(almeno non era questa la mia intenzione )…

    Lasci perdere…gli altri esempi storici (non c’entrano ASSOLUTAMENTE nulla….. )…turchi , arabi..etc etc…(sembra che lei voglia dimostrare che è una caratteristica dei popoli delle regioni..dell’area geopolitica “sud ” in generale ad avere una inclinazione a sottomettere il nord (oddiooooo….sto pensando agli Inglesi ,..ai francesi…agli austriaci…e aimè…in particolare ai Krukki Germanici…campioni di conquista , distruzione, eccidio di massa…e chi più ne ha più ne metta… i tedeschi si sa cosa hanno fatto…nessuno ha combinato più orrori e macelli quanto loro…. I civilissimi Inglesi….hanno depredato e sottomesso mezzo mondo….ma che dice ?) …I turchi (ieri ) o arabi…hanno storicamente una propensione a conquistare per ragioni religiose (da sempre…)…gli arabi in particolare ieri come oggi…(islamismo docet ..sharia…il sottomettere il mondo infedele all’ Islam )
    Limitiamoci all’ Italia….gli imput ad fare l’Unita’ d’ Italia..storicamente .sono tutti partiti dal Nord (élite del nord..cioè i Savoia + il supporto e anche l’ispirazione di altre élite straniere…di ispirazione massonica …cioè Inghilterra ). O non mi vorrà dire che il tutto è partito dal Sud ???…ma quando mai.!!!!…(Cavour o non Cavour )

    Il sistema fiscale imposto al sud…in quel periodo storico…veniva determinato da imput dei Savoia (Padroni d’ Italia ) …a prescindere dal politico che ne firmava i provvedimenti….(esattamente come sta succedendo nell’ Unione Europea…la Trojka Europea , il FMI…e la Merkel..”ordinano” e il governo ormai esautorato volente o nolente obbedisce : fiscal compact, pareggio di bilancio…austerity pazzoide che fa ancor di più avvitare l’economia in negativo…etc etc )…..si informi bene…a me risulta che in certe parti del sud conti fossero in ordine…in Piemonte tutt’altro….ci fu una ribellione generale ..che si espresse attraverso il cosiddetto brigantaggio &affini…e ci fu una repressione con migliaia e migliaia di morti…..(non mi faccia nomi e cognomi , date e controdate ..del contesto storico…LEI SA BENISSIMO …che le cose son andate in questo modo …dai su….;-)

    Ciò che non mi sta bene…sostanzialmente è certa tiritera…di alcuni del Nord…che si esprimono in un modo tale ..che quasi sembra che nel contesto storico il Sud ha sottomesso il Nord…cosa storicamente non vera
    …Poi sta Unità..è stata gestita male…ne ho in parte accennato (secondo post…sulla moneta )..anche se le cose son molto più complesse..ma questi son post di un forum senza nessuna pretesa (almeno per noi scriventi forumisti…ottime le argomentazioni di Marco della Luna )..non si possono fare analisi complesse …e si son create asimmetrie sociali ed economiche (vedasi trasferimenti al sud..dove si è inserita la “manina ladra”…e anche qui andrebbe fatto tutto un discorso…ma bisogna fare 100 post…)…noti bene… a conferma del fatto che da parte mia non è la solita “sterile” contrapposizione campanilistica..nord /sud… ho messo in evidenza nei miei precedenti post (e non a caso ) che il sud..in questi ultimi decenni..ha delle responsabilità gravissime (sempre fermo restando che il nord non è innocente…badi bene ..non ho detto “colpevole”..ma semplicemente che non è innocente 😉

    Se posso…. farò un altro post chiarendo meglio il detto nei precedenti post…ed esprimerò qualche considerazione su ciò che lei ha detto (sempre in estrema sintesi…e con una grammatica violentata…fa parte del mio stile molto “chattaro” e molto istintivo… 😉

    Dimenticavo: simpatizzo per dei movimenti sardi indipendentisti …alcuni dei quali in stretto contatto già da anni con la Lega Nord….(solo simpatia…)…ma lei non ha fatto caso in certi video su you tube…di raduni della Lega Nord o dei Veneti..ove tra le bandiere spunta sempre un vessillo “anomalo” cioè la bandiera sarda dei 4 mori ? anche se le motivazioni di un certo indipendentismo sardo..son diverse perché maturate in un contesto socio/economico..totalmente differente (una certa frangia indipendentista…c’è da 60 anni e più ..vedasi Partito Sardo d’Azione…)….

    Non mi sogno manco lontanamente di esprimere “comodi” pretesti per far passare conclusioni “palesemente false”….ma neanche lontanamente….abbia pazienza….su…. (ma che dice ? )
    Posto che lei sostanzialmente mi da ragione….

    Nel particolare mio regionale …insisto: noi sardi siamo stati costretti ad essere Italiani e non abbiamo MAI e dico MAI chiesto di essere Italiani…o invaso o sottomesso nessuno tantomeno il nord…se mai il contrario (o no? )…e dall’essere “Italiani per forza” …non abbiamo avuto tanti vantaggi….(certi trasferimenti sono un insulto alla nostra dignità )…se si considera che siamo ridotti da “sempre” a…. come diceva Fabrizio de Andrè…sardo per adozione …(fu pure rapito…aimè ..e continuò ad amarci come popolo )…che definiva la Sardegna una specie di “riserva indiana ” ad uso e consumo del “continente padrone”….(la Sardegna è un paradiso di bellezza…i soldi del turismo volano via quasi TUTTI..all’estero e al nord …qui non resta nulla….se non super carceri per mafiosi e basi militari per tutti gli eserciti (non solo Nato…)e per far esperimenti militari (vedasi bombe all’ uranio impoverito &affini….ce ne siamo accorti dopo..linfomi e cancri vari….)

    ciao

    Ps- non rileggo e invio….;-)
    Aspetto la smentita della seconda parte….(è un repley di cio che sta succedendo in Europa..o meglio cio che sta succedendo nell’ Eurozona ..è per certi versi in parte un replay…di ciò che si è venuto a creare in Italia tra le due economie nord /sud con una medesima moneta..svalutata al nord (forte industrialmente ) e sopravalutata al sud (molto più debole perché privo di tessuto industriale )…con una compensazione attraverso i cosiddetti “trasferimenti”…che hanno creato equilibrio…..(Nord /Produzione…Sud/ serbatoio di consumo….Nord /trasferimenti …e cosi via )….con una differenza : i paesi del nord Europa vogliono tenersi una moneta svalutata rispetto alla loro economia e non vogliono fare i trasferimenti (vedasi : eurobonds )…determinando la distruzione di tutto il Sud Europa (compreso il nord Italia )…Se invece per ipotesi (Merkel permettendo ) si facessero i trasferimenti…con una moneta a cambio fisso (senza flessibilità di riequilibrio …cioè senza poter fluttuare..nel sistema degli scambi ..tra le diverse economie )…tutta la fascia Meridionale Europea (compreso il nord Italia ) diventerà un grande meridione. Insisto : quei trasferimenti non son stati soldi rubati al nord…ma dovuti….poi la cosiddetta “manina ladra” si è inserita (clientelismo, mafia, etc etc ) ..e quei trasferimenti son stati rubati all’ Italia onesta del sud e del nord. Ma non erano soldi rubati al nord…o gentilmente “concessi” ….(sarebbe stato cosi se ci fossero state due monete ..riflettenti le rispettive economie nord e sud secondo i rispettivi tessuti produttivi ..(Lira nord forte e Lira sud debole)…con l’aggiunta dei trasferimenti…al sud….(in questo caso sarebbero stati soldi “fregati “ al nord )….con la Sovranità Monetaria…il sistema che si è instaurato dal dopoguerra ..sino all’introduzione dell’ Euro (perdendo la nostra sovranità…e anche la dignità di nazione…siamo con una moneta straniera di cui nessuno è padrone se non la BCE…di chi è sto euro ?..uno Stato senza una moneta propria non è uno Stato è un “protettorato “ ….)…era una sistema che permetteva un certo equilibrio macroeconomico…e potendo emettere moneta quindi iniettare il sistema produttivo di moneta creata dal nulla ..quei soldi trasferiti…erano necessari per creare equilibrio (Nord sistema produttivo…Sud serbatoio di consumo ) Il discorso cambia con la perdita della sovranità monetaria….(adesso son soldi sottratti al nord …ma è una situazione che si è venuta a creare…perché l’Italia è stata(S) venduta….e ora son caspiti amari….per tutti )

    Soluzione:
    1- Uscire dall’ Euro ((OPPURE introdurre ..Certificati di Credito Fiscale(CCF) o anche Mosler Bonds (entrambi titoli di stato particolari..che se emessi per le loro caratteristiche particolari non creano ulteriore debito e permettono di essere riusati per pagar le tasse..dando la garanzia che l’Italia non va in defoult..e quindi impedendo automaticamente gli assalti speculativi..e sottraendo le ragioni alla Trojka Europea e alla Merkel di tormentarci o meglio di distruggerci )….non sto a spiegare cosa sono nel particolare …ma è come emettere moneta …e allora il sistema si riequilibra …))
    2- Una volta usciti dall’Euro (eventualmente )…ripensare il sistema NORD /SUD…(eventuali macro regioni…a fiscalità diversa ..con monete diverse calibrate ad hoc per le due diverse economie …che so Ducato nord e Ducato sud…senza trasferimenti (ovviamente )…ed il problema per quanto riguarda il nord è risolto (il problema del nord fondamentalmente sta qua …)
    3- La mia adorata bellissima Isola….eventualmente un bel calcio nel sedere….(graditissimo ) con una totale indipendenza….(magari fosse …..)
    La prego di smentirmi……(se può )

    Dimenticavo (aggiungo man mano che scrivo….quel che mi vien in testa ): di recente ..è partita da due Sardi..(dietro consiglio di amici tedeschi e svizzeri..abituè e amanti della Sardegna )…una proposta/provocazione …(per scherzo..)….all’Italia (nostra matrigna…ho qualche riserva sul fatto che sia “realmente” la nostra patria )..di venderci alla Svizzera…nel giro di un mese ci son state 10mila adesioni (anche da parte di Svizzeri divertiti )….e ne hanno portato tutti i giornali (in Svizzera in particolare …ma anche in Germania, Francia, Giappone , Stati Uniti…poi la BBC Inglese )….quello che mi ha stupito ..e che la reazione degli svizzeri “a caldo” era tendente al “favorevole “..ci son state pure trasmissioni televisive in Svizzera ..e una troupe Svizzera è venuta a Cagliari a girare un documentario ed ad intervistare la gente per strada…addirittura è stato fatto un sondaggio on line in un giornale del cantone tedesco ..con il 75 % favorevoli…(attrae la bellezza dell’ Isola )….cosa che mi ha stupito molto e non poco…
    La proposta è “ovviamente” fantapolitica…..però le ragioni espresse nel Blog….per quanto riguarda le argomentazioni …del malumore e disaffezione dei sardi verso la pseudo-patria/matrigna….sono interessanti…rispecchiano fedelmente la realtà.
    Sintesi: ce ne frega talmente poco di essere Italiani…(trasferimenti compresi …) che desideriamo essere addirittura “venduti” a mo’ di prodotto da supermarket….(e se sento fesserie tipo essere inglobato…tra gli “oppressori del nord” esco letteralmente dai gangheri…con tutto il rispetto per le istanze dei Veneti …che in questa contingenza sono serie, veritiere, da rispettare e da ascoltare perché sostanzialmente giuste (sto sistema non può andare avanti in questo modo…o si cambia o farà crash…se continuiamo di questo passo…nei prossimi anni ..Dio non lo voglia…potrebbe esplodere la violenza..)
    Se qualche sardo legge…questo è il link (da non prendere sul serio…..;-)) :
    http://www.cantonmarittimo.org/

    avevo detto ciao prima? Ok lo ridico:
    RI-CIAO.
    Ps- scusate se ho scritto a “casotto”…

    insomma chi ha preso alla lettera il consiglio di andarcene da qualche altra parte pare che siamo noi sardi…..;-)

  6. Ugo Lorenzi scrive:

    Buongiorno a tutti,
    se c’è qualcuno interessato ad approfondire l’argomento per organizzare un’emigrazione autogestita e contrattata col nuovo paese potremmo parlarne volentieri.
    Maggiori ragguagli/suggerimenti da “admin” sarebbero preziosi.
    Saluti
    ugo lorenzi

    • faniarte scrive:

      Salve sono d’accordo con lei ed il suo commento è la risposta giusta all’articolo
      …..come fare?
      saluti
      Faniarte

      • admin scrive:

        A UGO E FANIARTE Bisogna trovare un’impresa o un’associazione che siano interessate e attrezzate per l’operazione.

        • ws scrive:

          certo ,
          sostanzialmente si tratta di “delocalizzare” insieme alla “fabbrica” e al ” capitale” anche qualche buon “tecnico” , cosa che “in partibus infidelis” fa sempre “utile” 🙂

  7. Pingback: INDIPENDENTISMO VENETO E VERA VIOLENZA ARMATA | controinformazione.info | Quello che gli altri non dicono

  8. ahfesa scrive:

    @Shardan (1°post)

    Perdoni, ma il suo dire contiene errori dirimenti. Vado in ordine sparso:
    a) I danesi di Knut invasero l`Inghilterra centrale. Guglielmo il Conquistatore di Normandia invase l`Inghilterra sassone, sconfiggendo Aroldo ad Hastings. Gli Arabi invasero la Sicilia, la Spagna ed arrivarono fino a Poitiers. Il sultano turco arrivò due volte fino a Vienna. E potrei continuare. Tutta gente del “sud” che conquistò il nord.
    b) La tassa sul macinato fu imposta il 7 luglio 1869 dal ministero Menabrea. E non in causa di una vessazione verso il “sud”, perché la maggior parte del gettito veniva dal nord sia per maggiore obbedienza fiscale e facilità di riscossione (come oggi curiosamente) , sia per maggiore popolazione. La causa fu il riequilibrio del bilancio imposto dai banchieri franco/inglesi, principali creditori del regno in causa delle guerre di indipendenza. Particolarmente costosa fu la terza, che fu vinta a tavolino, ma persa sul campo. La tassa fu abolita del secondo governo Cairoli nel 1880. Giusto un “garibaldino” ma che non era brianzolo, ma di Pavia. Infine curiosamente l`ing. Q. Sella che ideò l`imposta indiretta (non é una tassa) si ispirò proprio all`analoga già in vigore nel R.d. 2 Sicilie, anche se applicata a periodi.
    c) Guardi che Cavour (ed il suo padrone Vittorio E. II) non si sognava neanche lontanamente di andare a disturbare Re Francesco II ed introdursi nell`intricatissima questione meridionale. Furono altri tra cui gli Inglesi che ritenevano i Savoia più affidabili per recuperar quattrini e più facili da gestire, , a forzar la mano ed a fornire i denari. E non già per i mille e rotti poveracci in camicia rossa che in altri tempi sarebbero finiti come Pisacane ed i f.lli Bandiera, bensì per corrompere burocrati e generali borbonici e mafiosi che vendettero il loro re per denari, con l`ulteriore ricompensa poi di occupare cariche prestigiose nel nuovo regno. Come don Liborio Romano, quello che da ministro degli interni di Francesco I faceva i briganti poliziotti.
    d) La Sardegna é diventata sabauda col trattato dell`Aia nel 1720. Un pochino prima del 1860 quindi.

    Si documenti e poi sarò lieto di riparlarne, magari con altre e più evidenti conclusioni che prescindano da considerazioni razziali e geografiche, sovente usate, sia a nord che a sud, come comodi pretesti per far passare conclusioni palesemente false.

  9. Shardan scrive:

    Dopo la seconda guerra mondiale…l’Italia era distrutta da nord a sud…
    Bisognava ricostruire tutto…gli americani iniettarono una montagna di soldi con il piano Marshall..per ricostruire l’Europa…tipica politica Keynesiana ..cioè spendere a decificit per ricostruire e rimettere in moto l’economia…politica che ha funzionato perché l’economia europea è ripartita a razzo…producendo un benessere che non si è mai visto nella storia europea.
    In Italia…con quella montagna di denaro…si poteva ricostruire il sud e il nord…in modo “più omogeneo” ..cioè indirizzando anche il sud verso una struttura industriale…quindi costruendo già in partenza tutta una serie di grossi centri industriali..sparsi un po in tutto il territorio meridionale..in modo da creare un ” indotto”..(come quello che si è creato intorno a stabilimenti della fiat )..di piccole e medie imprese…
    Si sarebbe formata una “cultura” di tipo industriale /imprenditoriale..con i decenni..anche al sud. Il tutto a discapito del Nord ovviamente…che avrebbe dovuto rinunciare in fase iniziale (Italia distrutta ovunque)..ad una fetta di industrializzazione….con un sud che sarebbe stato “competitivo” con il nord.
    Si è scelta un altra via…..per tutta una serie di ragioni.
    il nord era gia una parte di territorio con una base industriale e una “cultura” industriale assente o poco presente nel sud…per ragioni geopolitiche, storiche, geografiche etcetc ( il nord è vicino al “cuore” dell’ Europa…con struttura geografica ideale per l’ industrializzazione….la Pianura Padana..che confina con Francia , Svizzera, Austria. adiacente appunto al “centro d’Europa”..e nel contempo ideale per qualsiasi tipo di comercio industriale…sia per l’esportazione /importazione dai paesi del nord…sia per inviare la produzione nel centro sud Italiano…
    Il sud invece storicamente non ha avuto quella cultura industriale (quella era la buona occasione per creare le condizioni di “sviluppo industriale” anche nel sud….sviluppo che a sua volta avrebbe portato come conseguenza ad una “cultura industriale /imprenditoriale” nelle nuove generazioni anche nel sud….con un risultato di “tendenza” alla omogeneizzazione del sistema produttivo /industriale e culturale tra nord e sud.
    Sintesi: nel dopoguerra con il piano Marshal…avrebbero dovuto nella “fase di ricostruzione” fare “massici investimenti” per l’industrializzazione anche nel sud…
    Hanno invece deciso di impostare il tutto in un altro modo:
    – —-> sviluppare ed investire massicciamente per la ricostruzione industriale del Nord…che aveva già una base e una cultura industriale per i motivi prima esposti ( confini paesi sviluppati, ottima posizione geografica,,ideale sia per i rapporti con il nord europa che con il sud Italia ,una popolazione quella cosiddetta “padana” che era stata a contato per secoli con altre popolazioni dedite al commercio…vedasi ad esempio Venezia e il Veneto (Serenissma..etc etc ) e poi aveva subito invasioni da parte Francese e Austriaca..che avevano lasciato un “sedimento” culturale /attitudinale” negli “Italiani del Nord”….Il Sud invece non ha avuto storicamente questi “profondi” contatti…il sud è circondato dal mare e oltre il mare ci son realtà culturali arabo/islamiche di cultura totalmente diversa..e nella continuità territoriale..tra nord e sud..c’era quel “diaframma” del centro/italia…che che non è ne sud ne nord…quindi per ovvie ragioni…avevano sviluppato tutta un altra cultura e tendenzialmente altre impostazioni operative nel settore economico…
    Ripeto: questo gap…si sarebbe in “parte” colmare nel dopoguerra visto che l’Italia era distrutta ovunque.. con un piano strutturale economico industriale..più omogeneo.
    Quindi è stata data al Nord una vocazione “Industriale” e al sud una vocazione “Agricola ” e poi Turistica ma anche “culturale” e come sbocco di “consumo” di cio che si produce in Nord /Italia……con poca industrializzazione….per “scelta” di chi ha pianificato la ricostruzione .
    Quindi si son delineate DUE economie con caratteristiche piuttosto diverse….ma con una sola moneta : la Lira.
    Scrivo questo…perché tanti troppi al nord..pensano che il nord si sia sviluppato per merito suo ed esclusivamente suo…e che il sud..ha avuto questo sviluppo per colpa e solo “esclusivamente ” colpa del sud.
    NON STANNO COSI LE COSE…MA NEANCHE PER SOGNO…è’ STATA UNA CONSEGUENZA “INDOTTA” DA UNA SCELTA DI PIANIFICAZIONE ECONOMICA…senza nulla togliere alle colpe gravissime e sottolineo “g-r-a-v-i-s-s-i-m-e ” del Sud…
    La Lira una moneta in un area valutaria con due economie diverse:
    la moneta forte o debole non in se per se non vuol dir nulla..ma identifica un valore adatto al tipo di economia che esprime. Cioè come la taglia di un vestito a secondo delle caratteristiche fisiche della persona. La moneta …in tutti i sistemi economici del mondo (ma proprio “tutti” ) deve calzare ed deve essere calibrata secondo le caratteristiche dell’economia che esprime. La moneta strutturata in modo differente rispetto all’economia di riferimento…provoca dei disastri enormi …. perché sballa i rapporti economici all’interno di un Paese e nei rapporti commerciali con il resto del mondo…che son appunto stabiliti “obbligatoriamente” attraverso due elementi:
    1) La moneta
    2) il tasso di cambio..
    Non ci son altri metodi (a meno che non ri ritorni allo scambio….all’interno di un Paese o tra Paesi..del tipo baratto: mi dai una mucca e ti do 10 pecore……oppure la Germania mi da 100 auto e noi gli diamo tot trattori di pari valore delle 100 macchine….sintesi: un regresso…impossibile.
    QUINDI LA MONETA è L’UNICO O PRINCIPALE ELEMENTO DI INTERSCAMBIO IN TUTTI GLI AMBITI ECONOMICI…NAZIONALI E INTERNAZIONALI
    In base al prima detto (nel precedente post )….dopo il dopoguerra…per tutta una serie di scelte e indirizzi politico /economico….In Italia si son indirizzate e veicolate due tipi di economie : Nord e Sud….con caratteristiche decisamente differenti MA CON UNA SOLA MONETA: LA LIRA.
    Alla lira dell’ economia del nord (meglio strutturata e più forte ) gli do un valore per esempio di 10 (è un numero che mi son inventato….dando per ipotesi che calzi perfettamente al tipo di economia di riferimento : il nord )
    Con lo stesso paramatro di ragionamento all’economia del Sud (strutturata in modo differente…strutturalmente più debole a causa di un deficit industriale ..che manca nella struttura economica meridionale ) gli do un valore perfettamente calzante e in armonia con quel tipo di tessuto produttivo…gli do…che so…4
    ma essendo una moneta unica devo dare un valore unico in tutto i territorio alla moneta circolante in Italia con però due economie diverse…espresse monetariamente con un 10 e un 4,,,,quindi si devono sommare i due valori e poi dividerli per due per scaturirne un valore unico per tutta la Nazione : 10 + 4 = 14 ——>>> 14 : 2 = 7
    7 è il valore della lira che viene usata in tutto il territorio nazionale.
    con un particolare…..il valore vero dell’ economia del Nord è 10….e il valore vero dell’ economia del sud è 4
    ma se usiamo la media che è 7…equivale a dire che il Nord è di gran lunga avvantaggiato perché la lira è sottostimata (cioè svalutata ) rispetto alla sua struttura produttiva di riferimento (cioè 10)…e il sud svantaggiato perché il valore 7 e sovrastimato (rivalutato ) rispetto al vero valore monetario in riferimento all’ economia meridionale ( cioè 4)
    quindi al nord il “vantaggio” di moneta usata è di 3 (10 – 7 = 3 )) e al sud lo “svantaggio” rispetto al nord è sempre di 3 ( 7-4= 3 )
    che cosa ha implicato tutto cio? e come si ci è messo rimedio ? (con i “trasferimenti” di un tot di denaro dal nord al sud come forma di compensazione del gap monetario…per mantenere in equilibrio il sistema——> e da qui sono iniziate le “storture” …..)

    QUEI VERSAMENTI ERANO SOLDI “DOVUTI “ NON CONCESSI PER GENEROSITA’O SOLIDARIETA’ (E TANTO MENO RUBATI O “SFILATI “ DALLE TASCHE DEI POPOLI DEL N ORD ).. ..COME GENERALMENTE SI LASCIA INTENDERE.
    POI IN QUEI TRASFERIMENTI SI è INSERITA LA “MANINA LADRA “ (Corruzione, mafia , clientelismo ,,,) …e questo è un altro discorso…..

    E’ lo stesso meccanismo che si è creato con l’euro tra europa del nord (euro sottovalutato rispetto alla loro economia ) e europa del nord (euro spravalutato rispetto alla struttura economica )…con la differenza che la Germania &company i trasferimenti (eurobonds ) non li vogliono fare…(preferiscono massacrarci con una moneta che è in primis un marco camuffato perché l’euro è stato strutturato sulla falsa riga del marco…e in più sottovalutata di circa il 20 % rispetto allo stesso euro circolante in Italia rivalutato del 20% in piu .

    Se il nord Italia non avesse fatto i trasferimenti avrebbe massacrato il sud…esattamente come ci sta massacrando la germania.
    In Italia con i trasferimenti al sud si è creato una sorta di equilibrio (senza possibilità di sviluppo industriale per il sud…perché una moneta sopravalutata rispetto all’economia della zona non favorisce gli investimenti ..il tutto a favore della zona..del nord forte,, industrialmente e con una moneta sottovalutata rispetto alle caratteristiche produttive della zona ..che tente ovviamente ad attrarre sia lavoratori (esodo meridionale tra gli anni 60 e 80 ) e investimenti ….da qui il mancato sviluppo del sud…ove comunque si è creato un bacino di circa 30 milioni di persone …con un relativo grado di benessere (economia del posto + trasferimenti del nord )..che è diventato un enorme bacino di consumo per i prodotti delle aziende del nord…quindi quei trasferimenti ..hanno creato una sorta di moltiplicatore keynesiano…innestando un motore di consumo “vitale” per migliaia di imprese